blank

Le informazioni sulle caratteristiche di queste varianti stanno emergendo rapidamente. Gli scienziati stanno lavorando per saperne di più sulla facilità con cui si diffondono, se possono causare malattie più gravi e se i vaccini attualmente autorizzati proteggeranno le persone contro di loro.

Ecco tutto quello che sappiamo

I virus cambiano costantemente attraverso la mutazione e si prevede che nuove varianti di un virus si verifichino nel tempo. A volte emergono e scompaiono nuove varianti. Altre volte emergono e persistono nuove varianti. Molteplici varianti del virus che causa COVID-19 sono state documentate nel mondo durante questa pandemia.

Il virus che causa COVID-19 è un tipo di coronavirus, una grande famiglia di virus. I coronavirus prendono il nome dalle punte a forma di corona sulle loro superfici. Gli scienziati monitorano i cambiamenti nel virus, comprese le modifiche ai picchi sulla superficie del virus. Questi studi, comprese le analisi genetiche del virus, stanno aiutando gli scienziati a capire come le modifiche al virus potrebbero influenzare il modo in cui si diffonde e cosa succede alle persone che ne sono infette.

Molteplici varianti del virus che causa COVID-19 circolano a livello globale:

  • Il Regno Unito (UK) ha identificato una variante chiamata B.1.1.7 con un gran numero di mutazioni nell’autunno del 2020. Questa variante si diffonde più facilmente e rapidamente rispetto ad altre varianti. Nel gennaio 2021, esperti nel Regno Unito hanno riferito che questa variante potrebbe essere associata a un aumento del rischio di morte rispetto ad altre varianti di virus, ma sono necessari ulteriori studi per confermare questo risultato. Da allora è stato rilevato in molti paesi in tutto il mondo. Questa variante è stata rilevata per la prima volta negli Stati Uniti alla fine di dicembre 2020.
  • In Sud Africa, un’altra variante chiamata B.1.351 è emersa indipendentemente da B.1.1.7. Rilevato originariamente all’inizio di ottobre 2020, B.1.351 condivide alcune mutazioni con B.1.1.7. I casi causati da questa variante sono stati segnalati negli Stati Uniti alla fine di gennaio 2021.
  • In Brasile, è emersa una variante chiamata P.1 che è stata identificata per la prima volta nei viaggiatori brasiliani, che sono stati testati durante lo screening di routine in un aeroporto in Giappone, all’inizio di gennaio. Questa variante contiene una serie di mutazioni aggiuntive che possono influire sulla sua capacità di essere riconosciuta dagli anticorpi. Questa variante è stata rilevata per la prima volta negli Stati Uniti alla fine di gennaio 2021.

Queste varianti sembrano diffondersi più facilmente e rapidamente rispetto ad altre varianti, il che può portare a più casi di COVID-19. Un aumento del numero di casi metterà a dura prova le risorse sanitarie, porterà a più ricoveri e potenzialmente più morti.

Finora, gli studi suggeriscono che gli anticorpi generati attraverso la vaccinazione con i vaccini attualmente autorizzati riconoscono queste varianti. Questo è oggetto di indagini approfondite e sono in corso ulteriori studi.

Una rigorosa e maggiore conformità con le strategie di mitigazione della salute pubblica, come la vaccinazione, l’allontanamento fisico, l’uso di maschere, l’igiene delle mani e l’isolamento e la quarantena, è essenziale per limitare la diffusione del virus che causa il COVID-19 e proteggere la salute pubblica.