blank

Le riprese della seconda stagione di The Witcher sono ripartite dopo la pausa natalizia. Il cast e la troupe sono attualmente rintanati nel loro quartier generale negli studi di Arborfield e impegnati a portare a termine le scene di vari episodi. Lo stesso Henry Cavill si è ripreso dopo l’infortunio alla gamba subito a dicembre, e ha condiviso su Instagram che è già tornato al suo solito estenuante programma, che ha inizio alle 04:30 del mattino per fare qualche ora di riabilitazione prima del lavoro sul set.

Con gennaio ormai alle spalle, i fan potrebbero chiedersi quanto resti ancora da filmare. Secondo la Redanian Intelligence, il piano originale era di concludere le riprese entro febbraio 2021, ma ci sono state delle complicanze. Considerando le due settimane di interruzione a novembre dovute alla pandemia, così come alcuni rallentamenti causati dall’infortunio di Henry e un inizio leggermente ritardato dopo la pausa natalizia, la migliore ipotesi è che le riprese termineranno nel marzo 2021. Tuttavia, se aggiungiamo da sei a sette mesi di post-produzione, ciò potrebbe significare che la seconda stagione di The Witcher potrebbe andare in onda questo autunno, a settembre o ottobre.

Nuovi studi di effetti speciali

Con la fase di post-produzione in arrivo, l’attenzione si concentrerà presto sul montaggio, il completamento e il perfezionamento delle immagini girate nell’ultimo anno. È qui che entrano in gioco gli effetti speciali, la musica e la registrazione di dialoghi aggiuntivi. L’elenco degli studi di effetti visivi che lavorano alla seconda stagione di The Witcher continua a crescere. 

Stando sempre a quanto riportato dalla Redian Intelligenze, Rodeo FX (noti per il loro lavoro su produzioni come Game of ThronesStranger ThingsAnimali fantastici e Deadpool) e la Canadian Studio Mr. X (VikingsCarnival Row) sono i nomi più recenti di una formazione già impressionante, che si aggiungono agli studi che hanno già lavorato alla prima stagione, tra cui Industrial Light & Magic (The Mandalorian) di George Lucas, The Third Floor (Rogue One), nonché CinesiteOne of Us, Platige Image Clear Angle Studio

Nuovi personaggi e attori

Edward Rowe interpreterà Re Henselt, il sovrano di Kaedwen nella seconda stagione. Henselt è ben noto ai fan dei libri e dei videogiochi per le sue tendenze guerrafondai e le sue opinioni estreme sull’uguaglianza razziale. Per i nuovi fan probabilmente si presenterà come una figura robusta e intimidatoria, o come Geralt a volte ha osservato “un uomo che sembra più un bandito che un re“.

Confermati anche per la seconda stagione sono gli attori Ed Birch (The Last Kingdom) e Julie Barclay (Broadchurch), anche se non conosciamo ancora i loro ruoli, sebbene sentiamo fortemente che Barclay potrebbe interpretare Nenneke.

Inolte, il mese scorso Netflix ha annunciato che l’attrice e modella Jodie Turner-Smith (Nightflyers, The Last Ship) avrebbe guidato il cast del primo spinoff live-action di The Witcher intitolato The Witcher: Blood Origin. Turner-Smith interpreterà Éile, che viene descritta come “una guerriera d’élite benedetta con la voce di una dea, che ha lasciato il suo clan e la posizione di guardiana della regina per seguire il suo cuore di musicista nomade. Una resa dei conti sul continente la costringe a tornare sulla via della lama nella sua ricerca di vendetta e redenzione”. La serie dovrebbe vedere anche la creazione del primo vero witcher.

Diverse fonti affidabili hanno poi riferito lo scorso anno che a Jason Momoa è stato offerto un ruolo nella serie. Tuttavia, sembra che Jason Momoa non possa partecipare alle riprese di Blood Origin poiché queste inizieranno a maggio, e in quel periodo l’attore sarà già impegnato con le riprese del suo nuovo film chiamato Slumberland.