WiFiL’accesso ad Internet è diventato un diritto di tutti. La maggior parte delle persone utilizza le soluzioni Ethernet/WiFi spingendosi alla reti 4G e 5G degli operatori in esterno. Queste sembrano essere le uniche strade per percorrere la via della rete delle reti. Ci sarebbe molto da dibattere al riguardo in quanto esiste una nuova idea di linea caldeggiata anche dal noto Elon Musk che per l’occasione ha lanciato il progetto Star Link. Sicuramente avrete capito che stiamo parlando della nuova frontiera di Internet via Satellite. Ecco come si presa e quanto costa mantenerlo rispetto ad una tradizionale connessione.

 

Internet Satellitare da supporto alle reti mobili e via WiFi

Come evincibile dal sottotitolo si tratta di una rete di supporto nel senso che ne è sconsigliato l’uso preferenziale in presenza di “soluzioni terrestri”. Limiti, costi e velocità della nuova rete sembrano essere fuori specifica dall’utente medio. Gestori come Konnect ed Open Sky, infatti, propongono linee dedicate con limiti di banda sia per velocità che per quantitativo di dati.

Benché ambedue gli ISP propongano la navigazione illimitata di notte resta un fatto che di giorno si può contare su un massimo di 10 o 15 Giga al mese con piano Standard. Non sono incluse le chiamate VoIP tariffate a parte con una connessione che sporadicamente supera il bandwidth di 30 Mbps sia in download che in upload. Allora potreste chiedervi: “A cosa serve una connessione del genere? Serve semplicemente a mettere una pezza al digital divide ed ai problemi di connettività derivanti dai down di rete. Il costo è ingiustificatamente alto per un minimo di 35 euro al mese ma la linea non risente di interferenze e problemi vari che altrimenti si potrebbero riscontrare al suolo.

In definitiva si tratta di una rete alternativa al WiFi ed al 4G da utilizzare nel momento in cui non esiste altra possibilità di ricevere la linea da parte degli operatori fissi e mobili conosciuti.