Iliad: fibra ottica e offerte mobili, ecco tutte le novità in arrivo

Un confronto tra Iliad e le altre realtà che si occupano di telefonia mobile in Italia sarebbe attualmente complicato. Il noto provider proveniente dalla Francia risulta infatti un vero e proprio colosso anche secondo quella che è l’opinione pubblica. Quest’ultima è stata modificata in seguito ai grandi risultati ottenuti dall’azienda, la quale ha dimostrato di valere la grande attesa che gli utenti hanno nutrito prima del suo arrivo.

Nonostante ci fosse una folta moltitudine di scettici, Iliad ha dimostrato fin da subito le sue qualità promuovendo soluzioni mobili di altissimo livello. I tanti contenuti restano una prerogativa del nostro gestore, il quale permette infatti di sottoscrivere ancora la migliore offerta in assoluto. Sul sito ufficiale sono infatti disponibili le varie promo della compagnia telefonica, come ad esempio la celebre Giga 50. Questa, con minuti ed SMS senza limiti e con 50 giga in 4G a 7,99 €, risulta una delle strade più percorse negli ultimi due anni. Ora però i riflettori sono puntati sul prossimo arrivo della fibra ottica che dovrebbe avvenire entro la prossima estate.

 

Iliad: tutti i dettagli in merito alla fibra ottica descritti direttamente dall’azienda

“La collaborazione con iliad, che ha scelto Open Fiber per il suo ingresso nel mercato fisso, è un’ulteriore conferma della validità del modello neutrale di Open Fiber” ha dichiarato Elisabetta Ripa, Amministratore Delegato di Open Fiber. “In meno di tre anni Open Fiber è diventata leader in Italia ed in Europa nelle reti in fibra di nuova generazione e l’infrastruttura di riferimento per tutti i principali player della digitalizzazione del nostro Paese.

La nostra rete interamente in fibra ottica è l’unica in grado di abilitare con la migliore tecnologia disponibile lo sviluppo di servizi che portano benefici a cittadini e imprese, contribuendo a colmare il divario digitale che l’Italia ancora sconta rispetto alla media europea a causa di decenni di mancati investimenti nella rete fissa”.