velocità InternetAlphabet, la società madre di Google, ha annunciato che chiuderà il progetto Google Loon che fornisce connettività Internet tramite palloncini galleggianti simili a mongolfiere.

Il progetto è stato annunciato nel 2013 con la speranza di portare la connessione Internet in tutto il mondo. Tuttavia, “la strada per la redditività commerciale si è dimostrata molto più lunga e rischiosa di quanto sperato”, ha scritto Astro Teller – che guida la divisione X moonshot dell’azienda – in un post sul blog.

L’azienda ha testato i “dispositivi galleggianti” in Nuova Zelanda e California, prima del lancio in Sri Lanka nel 2016 per sviluppare i suoi controlli di volo e l’efficienza. Nel corso degli anni, Porto Rico ha visto 30 mongolfiere di Google sorvolare il Paese per fornire una connessione Internet efficiente e veloce. All’indomani di uno dei recenti uragani, i dispositivi sono stati inviati ai margini dello spazio per fornire Internet in Kenya.

Google Loon: progetto dell’azienda per rendere Internet più veloce e disponibile per tutti non andato a buon fine

Google si era persino spinto a utilizzare la ricerca sull’Intelligenza Artificiale per far volare queste mongolfiere ad alta quota. Sfruttati numerosi modelli meteorologici e rapporti attuali per controllare come dovrebbero muoversi. Ora che Loon non avrà più alcun futuro, Teller scrive che molti membri del team potrebbero ricoprire ruoli alternativi.

“Ci auguriamo che Loon sia un trampolino di lancio verso le tecnologie e le aziende future in grado di riempire gli spazi e le lacune nel mondo della connettività. Per accelerare ciò, esploreremo le opzioni per portare avanti parte della tecnologia di Loon”. La tecnologia di questo progetto in effetti potrebbe ancora essere utilizzata in altri modi.

“Il sistema di navigazione di apprendimento recentemente annunciato ha esperti che pensano ad applicazioni che includono il monitoraggio dei segni vitali della Terra e persino l’esplorazione di altri pianeti“, scrive in un post sul blog Alastair Westgarth, amministratore delegato di Loon. Il progetto è l’ultimo di una lunga serie che Google ha annullato. Altri, tuttavia, stanno ancora tentando di fornire un accesso Internet alternativo, incluso il progetto Starlink di Elon Musk.