Il Giant Magellan Telescope sarà uno dei pochi telescopi terrestri super giganti che promette di rivoluzionare la nostra visione e comprensione dell’universo. Sarà costruito presso l’Osservatorio di Las Campanas in Cile. La messa in servizio del telescopio dovrebbe iniziare nel 2021.

Tutte le maggiori informazioni su questo magnifico telescopio

Il GMT è un telescopio a specchio segmentato che impiega sette dei più grandi specchi monolitici rigidi odierni come segmenti. Sei segmenti fuori asse di 8,4 metri circondano un segmento centrale in asse, formando un’unica superficie ottica di 24,5 metri di diametro, con un’area di raccolta totale di 368 metri quadrati.

L’Università di Harvard e la Smithsonian Institution sono entrambi membri del progetto GMT, che comprende anche Astronomy Australia Ltd., l’Australian National University, la Carnegie Institution for Science, il Korea Astronomy and Space Science Institute, la São Paulo Research Foundation, l’Università di Texas ad Austin, Texas A&M University, University of Arizona e University of Chicago.

Gli specchi primari GMT sono realizzati presso lo Steward Observatory Mirror Lab di Tucson, in Arizona. Sono una meraviglia dell’ingegneria moderna e della lavorazione del vetro; ogni segmento è curvo in una forma molto precisa e levigato entro una lunghezza d’onda della luce, circa un milionesimo di pollice.

La luce dal bordo dell’universo si rifletterà prima sui sette specchi primari, quindi si rifletterà di nuovo sui sette specchi secondari più piccoli per viaggiare verso il basso attraverso il foro centrale dello specchio primario per formare un unico focus su uno dei vari strumenti avanzati che analizzeranno la luce.

Uno degli aspetti ingegneristici più sofisticati del telescopio è ciò che è noto come “ottica adattiva”. Gli specchi secondari del telescopio sono flessibili. Sotto ogni superficie dello specchio secondario, ci sono centinaia di attuatori che regoleranno costantemente gli specchi per contrastare la turbolenza atmosferica.

Questi attuatori, sotto il comando di sistemi di controllo avanzati, trasformeranno le stelle scintillanti in chiari punti di luce fissi 10 volte più nitidi di quanto possibile con il telescopio spaziale Hubble. Scienziati e ingegneri del Center for Astrophysics stanno giocando un ruolo cruciale nella progettazione e costruzione di questi sistemi di controllo.

La posizione del GMT offre anche un vantaggio chiave in termini di visione attraverso l’atmosfera terrestre. Il deserto di Atacama in Cile è uno dei luoghi più alti e più aridi della terra, dove il GMT avrà condizioni spettacolari per più di 300 notti all’anno. Las Campanas Peak, ha un’altitudine di oltre 2.550 metri (8.500 piedi) ed è quasi completamente sterile di vegetazione a causa della mancanza di precipitazioni. La combinazione di seeing, numero di notti serene, altitudine, tempo e vegetazione fanno di Las Campanas Peak un sito ideale per il GMT.

Forse una delle domande più eccitanti a cui l’astronomia deve ancora rispondere è: siamo soli? Questa domanda verrà affrontata dal primo strumento avanzato pianificato per GMT, il GMT-Consortium Large Earth Finder, o G-CLEF, la cui progettazione e costruzione sono supervisionate presso il Center for Astrophysics. G-CLEF è stato ottimizzato per avere capacità di velocità di estrema precisione, che gli consentiranno di rilevare la presenza di un esopianeta di massa terrestre in orbita attorno a stelle simili al Sole.

La capacità di raccolta della luce senza precedenti e la risoluzione del GMT aiuteranno anche con molte altre domande affascinanti nell’astronomia del 21 ° secolo. Cos’è la materia oscura e cos’è l’energia oscura, due cose misteriose che compongono la maggior parte del nostro universo? Come si sono formate le prime stelle dal gas diffuso del Big Bang? Come si sono formate le prime galassie? Qual è il destino dell’universo?