Molte volte il colosso di Mountain View Google è costretta ad eliminare alcune applicazioni dal proprio Play Store perché queste non rispettano le linee guida imposte dall’azienda.

Non rispettando alcune linee guida diventano di conseguenza un rischio per la sicurezza degli utenti. Ecco perché Big G ha recentemente eliminato alcune di queste applicazioni. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Google ha rimosso alcune applicazioni dal proprio Play Store

Negli ultimi giorni, a seguito di alcune segnalazioni di esperti di sicurezza, sono state rimosse ben 164 applicazioni dal Google Play Store. Queste applicazioni sono state eliminate perché mostravano pubblicità a tutto schermo anche quando non erano in uso, con la speranza che gli utenti cliccassero per guadagnare denaro.

Questo tipo di applicazioni sono vietate sul Play Store fin da febbraio 2020, ma non è raro che qualcuna “scappi” al controllo di Google.  Le applicazioni in questione, rimosse, avevano raggiunto in totale 10 milioni di installazioni ed avevano una grafica ed un nome molto simile a software molto più conosciuti, proprio per cercare di ingannare gli utenti.

La lista completa delle applicazioni eliminate è stata pubblicata dal colosso attraverso una pagina dedicata. Comunque d’ora in poi non avrete più problemi di questo tipo, almeno non con queste applicazioni, l’azienda di Mountain View è costantemente al lavoro per cercare di rendere l’esperienza d’utilizzo delle applicazioni presenti sul proprio Store, più esaustiva possibile per noi utenti.