condono-fiscale

Il 2020 è stato sicuramente un anno a dir poco devastante per la nostra penisola, la pandemia di Coronavirus ha profondamente lacerato il tessuto sociale che compone i vari strati della nostra nazione, portando disagi di ogni tipo e traducendosi in modo indiretto in una crisi economica che ha pericolosamente avvicinato i vari contribuenti ad un baratro fiscale fatto di cartelle e debiti difficili da pagare vista la situazione.

Ovviamente il governo sta valutando numerose possibilità per cercare di dar respiro al popolo, tra cui anche opzioni legate all’eliminazione definitiva dei debiti non saldati e insaldabili, per gli utenti dunque stanno per arrivare una brutta e una buona notizia, la brutta consiste nell’arrivo di 50 milioni di cartelle vista l’ormai terminata moratoria fiscale, la bella invece, consiste nell’annuncio da parte del viceministro all’Economia, Laura Castelli, di “saldi e rinvii per le posizioni maturate nel 2020”, una sorta di pace fiscale che porterebbe arrivare con una rottamazione quater.

La pace fiscale 2021

L’anno dunque potrebbe iniziare all’insegna di una rottamazione quater delle cartelle esattoriali che vanno dall’anno 2016 al 2019 e un saldo e stralcio, una sorta di manovra dunque pensata per alleggerire le cartelle esattoriali per tutti coloro che sono stati duramente colpiti dagli effetti economici della pandemia.

Si tratta dunque di una misura preventiva che, servirà ad attenuare le milioni di cartelle che ovviamente si genereranno a partire da quest anno visto l’enorme perdita di fatturato che milioni di contribuenti hanno subito a causa della pandemia, un’ottima manovra che aiuterà certamente i debitori incolpevoli e penalizzati dal contesto d’emergenza.