App pericolose

In questo periodo sono molte le persone che si affidano alle notizie per avere informazioni in merito al Covid. Esistono anche diverse app che racchiudono in un’unica soluzione tutto quello che una persona vorrebbe sapere. Naturalmente, tra queste, non potevano mancare app pericolose. Invece di aiutare a contrastare la diffusione del virus, ne diffondono altri a danno degli utenti.

 

Ecco quali sono le app pericolose a tema Covid

Non c’erano dubbi sul fatto che malintenzionati avrebbero cavalcato l’onda della pandemia per diffondere malware e rubare dati personali. Ora tocca anche agli store sia di Android che di Apple. Girano infatti app pericolose che, nascondendosi sotto mentite spoglie anti Covid, mettono in pericolo i dispositivi degli utenti.

Lo scopo di queste app pericolose è quello di portare l’utente a cliccare su qualche link o banner pubblicitario per sbaglio. Di conseguenza, il povero malcapitato, sottoscrive inconsapevolmente qualche abbonamento svuota conto. Nondimeno, attraverso queste app pericolose, un malware potrebbe infettare il dispositivo del malcapitato che si troverà con i dati personali rubati.

Fortunatamente c’è chi studia e prova queste app scovando quelle pericolose dalle quali occorre stare alla larga. Ecco la lista di quelle insospettabili a tema Covid che non vanno mai scaricate.

  1. Corona-Warn-App;
  2. V-Alert Covid-19;
  3. Covid-19 latest update;
  4. COVID 19 GLOBAL News;
  5. Covid tracing;
  6. V-Alert Covid 19;
  7. Coronavirus Finder.

 

Cosa fare per proteggersi da questo pericolo

Un modo per proteggersi da questo pericolo è installare un anti malware che protegge anche da queste app pericolose. Altrimenti sarebbe buona norma leggere bene le autorizzazioni che richiedono. Inoltre anche le recensioni possono essere un campanello d’allarme. Potrebbe rivelarsi pericolosa se ne ha di troppo positive, o al contrario se ha segnalazioni negative di alcuni utenti. Le brutte esperienze di chi già le ha scaricate possono aiutare altri a non incorrere nello stesso problema.

Se invece l’utente dovesse malauguratamente aver già scaricato una delle app pericolose, non solo dovrà eliminarla, ma sarà necessario procedere con il reset di fabbrica.