Postepay: cosa implica il phishing e il nuovo messaggio svuota-conto

L’unico dubbio che attanaglia tutti coloro che vogliono sottoscrivere una delle Postepay, riguarda certamente il rapporto dell’azienda con le truffe. Quello che molti utenti non hanno ancora capito è che situazioni del genere possono vedere al proprio interno tutte le tipologie di carte appartenenti a qualsiasi gruppo bancario.

L’unico svantaggio delle Postepay è quello di vedere spesso il proprio nome figurare in messaggi fatti ad arte. La frequenza con cui tutto questo avviene è dovuta alla grande presenza di utenti in possesso della celebre carta prepagata sul territorio italiano. I tentativi di phishing inoltrati a tutti gli utenti che possiedono una Postepay hanno dunque molte più possibilità di attecchire. Gli ultimi giorni sono stati pertanto portatori di una nuova ondata di truffe, le quali si nascondono dietro un messaggio. 

 

Postepay: sono queste le parole che trovate all’interno del messaggio phishing

Gentile Cliente,

Ti comunichiamo la modifica delle Condizioni Generali del Servizio di Identità Digitale “PosteID abilitato a SPID” nella nuova versione.

Cosa cambia per te?

  • Il servizio base, cosi come descritto nelle Condizioni Generali del Servizio, è gratuito per le persone fisiche. Non ci sono modifiche per quanto riguarda le funzionalità e l’utilizzo dell’Identità Digitale.
  • Eventuali future modifiche alle Condizione Generali del Servizio saranno rese note ai Titolari, con congruo anticipo, tramite apposita informativa sul Sito o in Bacheca o con ulteriori canali o modalità che Poste ritenesse di adottare.

RICORDA CHE,

Non puoi più utilizzare la tua carta PostePay se non accetterai le modifiche contrattuali. Inoltre abbiamo bisogno della tua collaborazione, dovrai aggiornare le informazioni del tuo profilo online entro 48 dalla ricezione di questa comunicazione.

PROCEDI CON L’AGGIORNAMENTO