Postepay: che guaio per gli utenti, truffa phishing nella mail

Usare una Postepay può essere un’ottima soluzione sia in Italia che all’estero, viste le grandi opportunità che mette a disposizione l’azienda produttrice. Tutti infatti conoscono Poste Italiane, che in merito a sicurezza non ha mai avuto alcun problema. Tutti coloro che infatti temono di ricevere truffe possedendo una Postepay, generalizzano e purtroppo sbagliano. Tali vicissitudini possono capitare a qualsiasi carta prepagata, di debito o di credito. Certo è che il nome della celebre prepagata gialla viene utilizzato di più dei truffatori che praticano il phishing.

L’obiettivo è quello di estirpare i dati agli utenti facendogli credere di comunicare direttamente da Poste Italiane.  Ovviamente per evitare qualsiasi tipo di ripercussione servirebbe solamente cancellare il messaggio.

 

Postepay: ecco come è scritto il messaggio phishing che sta girando tramite e-mail

Gentile Cliente,

Ti comunichiamo la modifica delle Condizioni Generali del Servizio di Identità Digitale “PosteID abilitato a SPID” nella nuova versione.

Cosa cambia per te?

  • Il servizio base, cosi come descritto nelle Condizioni Generali del Servizio, è gratuito per le persone fisiche. Non ci sono modifiche per quanto riguarda le funzionalità e l’utilizzo dell’Identità Digitale.
  • Eventuali future modifiche alle Condizione Generali del Servizio saranno rese note ai Titolari, con congruo anticipo, tramite apposita informativa sul Sito o in Bacheca o con ulteriori canali o modalità che Poste ritenesse di adottare.

RICORDA CHE,

Non puoi più utilizzare la tua carta PostePay se non accetterai le modifiche contrattuali. Inoltre abbiamo bisogno della tua collaborazione, dovrai aggiornare le informazioni del tuo profilo online entro 48 dalla ricezione di questa comunicazione.

PROCEDI CON L’AGGIORNAMENTO