IPTV: arrivano nuovi problemi per gli utenti, la GdF li multa

Esistono vari abbonamenti disponibili per quanto riguarda il mondo della TV a pagamento, il quale negli ultimi anni è risultata fondamentale. Tutti gli eventi sportivi, il cinema di grande qualità e soprattutto i canali per passare il tempo sono disponibili grazie ai grandi licenziatari che da sempre operano sul territorio. Il mondo IPTV, alimentato dalla pirateria, avrebbe però preso il sopravvento milioni di volte fino a generare delle reti enormi. La Guardia di Finanza avrebbe appena oscurato oltre 5000 piattaforme, ma adesso lo scopo è quello di multare coloro che continuano ad utilizzare i servizi illegali.

Per evitare qualsiasi tracciamento e per non incorrere in problemi seri, il consiglio di alcuni utenti è quello di utilizzare una VPN. Surfshark ad esempio permette soluzioni molto interessanti e soprattutto con un costo molto economico.

Per avere le migliori offerte anche da parte di Amazon, vi consigliamo di iscrivervi al nostro canale Telegram ufficiale. Clicca qui per entrare.

 

IPTV: la Guardia di Finanza sta tracciando gli indirizzi, ora potreste ricevere una multa

Tutti gli utilizzatori incalliti di un abbonamento pirata qualsiasi potrebbero ben presto vedersi recapitare una multa. Questa, che potrebbe andare da 2000 a 25.000 €, potrebbe essere comminata a oltre 5 milioni di utenti esistenti in Italia dei quali le forze dell’ordine starebbero tracciando gli indirizzi IP.

“Un grande ringraziamento da parte di tutta la Serie A per il prezioso lavoro che la Guardia di Finanza ha fatto e sta facendo per oscurare diverse IPTV che trasmettono illecitamente contenuti audiovisivi. La trasmissione e la visione delle nostre partite, attraverso servizi di streaming illegali, configura un vero e proprio atto criminale che comporta gravi conseguenze sia per le organizzazioni malavitose che le gestiscono sia per gli utenti che ne usufruiscono illegittimamente“, queste le dichiarazioni di Luigi De Siervo, amministratore delegato della Lega Serie A.