Un’implementazione che si attendeva da tempo, e che finalmente è arrivata. Google ha infatti deciso di sfruttare il crowdsourcing anche nella definizione delle strade e dei percorsi disponibili con la modalità Street View. Una grande notizia, che permetterà di avere informazioni più aggiornate rispetto a quelle disponibili attualmente – e che dipendono spesso dalle rilevazioni dei satelliti, non sempre recenti – su qualsiasi via o posto del pianeta.

Fino ad ora, infatti, le scansioni stradali erano effettuate per mezzo di un’auto, la Google Car, avente una fotocamera di ultima generazione montata sul tetto e che consentiva di riprendere la strada a 360°.

Da questo momento in poi, invece, gli stessi utenti potranno contribuire a mappare le strade con il semplice uso dello smartphone.

Google Maps permette ai volontari di aggiornare Street View: un passo importante per avere sempre a disposizione dati recenti e aggiornati

A prendere parte a questo progetto saranno gli utenti con smartphone Android, e l’unica “conditio sine qua non” sarà l’utilizzo del software Google ARCore, che permette di creare applicazioni nella realtà aumentata.

La sperimentazione è partita per il momento solo in alcune zone del mondo, in particolare Toronto (Canada), New York (USA), Austin (USA), Nigeria, Indonesia e Costa Rica, ma si prevede una rapida estensione del piano anche nei confronti delle altre nazioni. In questo modo, gli utenti di tutto il mondo potranno fornire dati aggiornati e in tempo reale anche su zone in rapido sviluppo o cambiamento (nuove rotatorie, nuovi edifici, cantieri, nuove deviazioni, cambiamenti nel verso della viabilità).