blank

Per i robocaller illegali, l’obiettivo non è sempre farti rispondere. A volte ti fanno richiamare. Ogni tanto, il telefono potrebbe squillare una volta e poi fermarsi. Se ti succede e non riconosci il numero, non rispondere alla chiamata. Potresti essere l’obiettivo di una truffa telefonica “ping call“.

Ecco come funziona la truffa

È possibile che le chiamate con uno squillo provengano da numeri di telefono da qualche parte negli Stati Uniti, incluse tre cifre iniziali che assomigliano ai prefissi degli Stati Uniti. Ma i truffatori esperti spesso utilizzano numeri internazionali di regioni che iniziano anche con codici a tre cifre: ad esempio, “232” va alla Sierra Leone e “809” alla Repubblica Dominicana. I truffatori possono anche utilizzare tecniche di spoofing per mascherare ulteriormente il numero nella visualizzazione dell’ID chiamante.

Se richiami, rischi di essere connesso a un numero di telefono estero, e potresti dover pagare una tariffa per la connessione, insieme a tariffe al minuto significative per tutto il tempo in cui ti tengono al telefono. Questi addebiti possono comparire sulla bolletta come servizi premium, chiamate internazionali o chiamate a pagamento.

Le varianti di questa truffa si basano su messaggi di posta vocale fasulli che ti spingono a chiamare un numero con un prefisso non familiare per “programmare una consegna” o per avvisarti di un parente “malato”.

Come evitare questa truffa

  • Non rispondere o restituire chiamate da numeri che non riconosci.
  • Prima di chiamare numeri sconosciuti, controlla se il prefisso è internazionale.
  • Se non si effettuano chiamate internazionali, chiedere alla compagnia telefonica di bloccare le chiamate internazionali in uscita sulla linea.
  • Sii sempre cauto, anche se un numero sembra autentico.