canone rai

Il canone Rai nel 2021 sarà completamente gratis, ovviamente non per tutti, ma solo per determinate categorie di utenti, le quali avranno la possibilità di richiedere l’esenzione completa dal pagamento di una delle tasse più odiate e deprecate in assoluto.

La suddetta nasce per finanziare la TV di Stato, appunto la RAI, infatti la maggior parte dei 90 euro annui che tutti noi versano, vengono riversati nelle casse della televisione, solamente una piccolissima percentuale viene trattenuta dall’erario. Originariamente veniva pagata dai consumatori con un bollettino postale, come facciamo annualmente con il bollo auto, ma data la crescente evasione, nel 2006 il Governo ha deciso di integrarla automaticamente nelle bollette dell’energia elettrica.

Nel momento in cui attiverete una fornitura, in automatico verrà inviata la notifica all’Agenzia delle Entrate, la quale attiverà le 10 rate da 9 euro l’una, sulla presunzione di possesso di un televisore. Questo vale per tutti, ma in alcuni casi potete richiedere l’esenzione, poichè ne avete pieno diritto.

 

Canone Rai: il diritto all’esenzione per queste categorie

Se possedete una seconda casa su cui pagate il canone Rai, potrete presentare domanda, poiché a tutti gli effetti la Legge parla di un’imposta da versare solo una volta a famiglia; di conseguenza, dato che la pagate sulla residenza, non vi toccherà sulla seconda casa.

Gli altri fortunati che potranno richiedere l’esenzione, al netto di coloro che dichiarano di non possedere un televisore, sono gli over 75 con un reddito famigliare annuo inferiore agli 8000 euro, e con nessuna persona nello stesso Stato di Famiglia che produce reddito (ovvero ha uno stipendio proprio).