canone raiL’esenzione dal pagamento del canone Rai 2021 è un diritto per moltissimi utenti, un fatto assolutamente da conoscere proprio nel momento in cui, con il nuovo anno, torneranno le rate mensili direttamente nelle bollette dell’energia elettrica.

Se siete nuovi al pagamento del canone Rai, dovete sapere che dal momento in cui avete attivato un servizio di fornitura, l’ente ha comunicato i vostri dati all’Agenzia delle Entrate, la quale obbliga l’inserimento di una rata fissa mensile di 9 euro, per i primi 10 pagamenti, per un totale di 90 euro annui.

Di base tutti la devono pagare, sulla presunzione del possesso di una apparecchiatura televisiva, ma allo stesso modo è importante sapere che in alcune occasioni è possibile richiedere l’esenzione completa.

 

Canone Rai 2021: chi ha diritto all’esenzione

I primi utenti sono proprio coloro che dichiarano apertamente di non possedere un televisore, infatti possono scaricare l’autocertificazione dal sito dell’Agenzia delle Entrate e richiedere l’esenzione completa. Attenzione però a non dichiarare il falso, se scoperti rischiate una pena detentiva.

Al secondo posto trovano posto i consumatori che si sono visti addebitare il canone Rai anche sulla seconda casa, la legge è molto chiara e la tassa deve essere pagata solamente una volta a famiglia, di conseguenza i suddetti hanno diritto a non pagarlo solo sulla seconda casa.

Per ultimi arrivano gli over 75, i quali però dovranno sottostare ad importanti limitazioni e vincoli. Nello specifico non dovranno avere un reddito annuo famigliare superiore agli 8000 euro, e sopratutto nello Stato di Famiglia non dovrà essere presente nessun altro utente che generi reddito (esclusi i collaboratori o le badanti).