canone raiIl canone Rai 2021 sarà completamente gratis per tutti? se avete letto questa notizia in rete, sappiate che siete caduti nella fitta rete delle tantissime fake news che attanagliano il web. La tassa potrà essere evitata solamente da una specifica e selezionata porzione di uetnti.

Di base il canone Rai è l’imposta che tutti i possessori di un televisore devono versare allo Stato, dei 90 euro previsti, la maggior parte viene trattenuta dalla TV pubblica (quindi la Rai), mentre una piccolissima percentuale entra di diritto nella casse dell’erario. Ad oggi viene versata a rate tramite la bolletta dell’energia elettrica, ma in alcuni casi è possibile richiedere l’esenzione.

 

Canone Rai 2021: quali sono gli utenti che ne sono esenti

  • Non possessori di un televisore – l’addebito della tassa è automatico nel momento in cui viene attivato un contratto che prevede la fornitura della corrente elettrica, però il consumatore può dichiarare di non possedere un televisore con una autocertificazione, ed ottenere l’esenzione dalla tassa. La dichiarazione è a vostro rischio e pericolo, poichè se dichiarato il falso si rischia un pena detentiva (violazione del codice penale).
  • Possessori di una seconda casa – la legge prevede che il canone Rai venga pagato una sola volta a famiglia, di conseguenza se possedeste una casa, e vi venisse applicato anche sulla suddetta, sappiate che avete diritto a richiedere l’esenzione.
  • Over 75 – coloro che hanno compiuto almeno il 75esimo anno di età, che dispongono di un reddito annuo famigliare inferiore agli 8000 euro (compreso anche il coniuge), e non includono nello Stato di Famiglia altre persone con un reddito/stipendio (che non siano eventuali collaboratori o badanti), potranno richiedere la completa esenzione.

La procedura non è automatica, sarà strettamente necessario scaricare i moduli dal sito dell’Agenzia delle Entrate e presentare la domanda.