blankApple ha sconvolto i consumatori annunciando che gli iPhone non saranno più venduti insieme al rispettivo caricabatterie, per risparmiare spazio e materiali e salvaguardare l’ambiente. Tuttavia, in alcuni Paesi, in particolare il Brasile, non sarà così.

Procon-SP, l’agenzia statale per la protezione dei consumatori, ha notificato al produttore di smartphone che sarebbe necessario chiarire il motivo per cui ha rimosso l’alimentatore con il lancio del nuovo iPhone 12. L’agenzia chiede ad Apple di dimostrare che rimuovere il caricabatterie dalla confezione riduce concretamente le emissioni di carbonio, l’estrazione mineraria e l’uso di metalli preziosi. Secondo quanto riferito, Apple ha risposto che la maggior parte degli utenti ha già un caricabatterie compatibile. Ciò non ha soddisfatto l’agenzia che considera l’adattatore una parte essenziale del prodotto. In quanto tale non fornirlo violerebbe il Codice brasiliano per la difesa dei consumatori.

Il Segretario nazionale sta valutando la possibilità di apportare il cambiamento a livello federale. Sebbene la decisione di Apple di rimuovere i caricabatterie dall’iPhone 12 potrebbe ridurre l’impatto ambientale, a livello olistico potrebbe semplicemente spostare le emissioni da una parte all’altra. I consumatori possono semplicemente acquistare gli accessori da altre aziende. “Questo sarà un enorme vantaggio, almeno a breve termine, per i produttori di accessori che venderanno caricabatterie USB-C“, ha dichiarato a ottobre Avi Greengart, fondatore e analista principale presso la società di consulenza Techsponential.

Apple: prime polemiche sulla rimozione del caricabatterie dalla confezione dei nuovi iPhone, per molti non è necessario

Altri fattori, come il cavo dell’iPhone 12 non compatibile con gli adattatori degli iPhone precedenti, potrebbero implicare ulteriori acquisti. In una dichiarazione, Apple afferma di aver preso la decisione di rimuovere l’alimentatore come parte del suo obiettivo di diventare completamente carbon neutral entro il 2030. “Dedichiamo le nostre risorse e innovazioni a proteggere il pianeta che tutti condividiamo. All’inizio di quest’anno abbiamo fissato un obiettivo. Quindi ogni dispositivo Apple venduto avrà il suo impatto”.

“Uno dei passaggi del nostro percorso è ridurre i materiali utilizzati nei nostri prodotti e imballaggi. Con miliardi di alimentatori USB-A già in uso in tutto il mondo, quest’anno abbiamo deciso di non includerli con iPhone e Apple Watch. Gli adattatori rappresentano il nostro più grande utilizzo di zinco e plastica. Eliminarli dalla confezione consente anche di ottenere imballaggi più piccoli e leggeri”. Piuttosto che limitare le vendite dei caricabatterie, Apple potrebbe rendere i suoi dispositivi più facili da riparare e riciclare.