blank

La pulsossimetria è un test non invasivo e indolore che misura il livello di saturazione dell’ossigeno o i livelli di ossigeno nel sangue. È in grado di rilevare rapidamente anche piccoli cambiamenti nell’efficienza con cui l’ossigeno viene trasportato alle estremità più lontane dal cuore, comprese le gambe e le braccia.

Il pulsossimetro (o saturimetro), è un piccolo dispositivo a clip che si attacca ad una parte del corpo, come le dita dei piedi o il lobo dell’orecchio. È più comunemente messo su un dito ed è spesso utilizzato in un ambiente di terapia intensiva come pronto soccorso o ospedali. Alcuni medici, come i pneumologi, possono usarlo in ufficio.

Lo scopo della pulsossimetria è controllare quanto bene il tuo cuore sta pompando ossigeno attraverso il tuo corpo.

Può essere utilizzato per monitorare la salute delle persone con qualsiasi tipo di condizione che può influenzare i livelli di ossigeno nel sangue, soprattutto mentre sono in ospedale. Queste condizioni includono:

  • malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO)
  • asma
  • polmonite
  • cancro ai polmoni
  • anemia
  • attacco di cuore o insufficienza cardiaca
  • difetti cardiaci congeniti

Esistono diversi casi d’uso comuni per la pulsossimetria, tra cui:

  • per valutare l’efficacia di un nuovo farmaco polmonare
  • per valutare se qualcuno ha bisogno di aiuto per respirare
  • per valutare quanto sia utile un ventilatore
  • monitorare i livelli di ossigeno durante o dopo procedure chirurgiche che richiedono sedazione
  • per determinare l’efficacia dell’ossigenoterapia supplementare, soprattutto quando il trattamento è nuovo
  • valutare la capacità di qualcuno di tollerare una maggiore attività fisica
  • per valutare se qualcuno smette momentaneamente di respirare mentre dorme, come nei casi di apnea notturna, durante uno studio del sonno

Come funziona

Durante una lettura della pulsossimetria, un piccolo dispositivo simile a una pinza viene posizionato su un dito, lobo dell’orecchio o del piede. Piccoli raggi di luce passano attraverso il sangue nel dito, misurando la quantità di ossigeno. Lo fa misurando i cambiamenti dell’assorbimento della luce nel sangue ossigenato o deossigenato. Questo è un processo indolore.

Il pulsossimetro sarà così in grado di dirti i tuoi livelli di saturazione di ossigeno insieme alla tua frequenza cardiaca. La pulsossimetria può essere utilizzata sia in ambito ospedaliero che ambulatoriale. In alcuni casi, il medico potrebbe consigliarti di avere un pulsossimetro per uso domestico.

Il processo di pulsossimetria è il seguente:

  • Più comunemente, un dispositivo simile ad una clip verrà posizionato sul dito, sul lobo dell’orecchio o sulla punta. Potresti sentire una piccola pressione, ma non c’è dolore o pizzicore. In alcuni casi, una piccola sonda può essere posizionata sul dito o sulla fronte con un adesivo appiccicoso. Potrebbe esserti chiesto di rimuovere lo smalto per unghie se è attaccato a un dito.
  • Manterrai la sonda accesa per tutto il tempo necessario per monitorare il polso e la saturazione di ossigeno. Quando si monitorano le capacità di attività fisica, ciò avverrà durante l’entità dell’esercizio e durante il periodo di recupero. Durante l’intervento chirurgico, la sonda verrà attaccata in anticipo e rimossa una volta che sarai sveglio e non più sotto supervisione. A volte, verrà utilizzato solo per eseguire una singola lettura molto rapidamente.
  • Al termine del test, la clip o la sonda verranno rimosse.

La pulsossimetria è in genere un test abbastanza accurato. Ciò è particolarmente vero quando si utilizzano apparecchiature di alta qualità presenti nella maggior parte degli studi medici o delle strutture ospedaliere. Fornisce costantemente risultati con una differenza del 2 percento in entrambi i casi rispetto a ciò che è veramente.

Se la tua lettura era dell’82%, ad esempio, il tuo vero livello di saturazione di ossigeno potrebbe essere compreso tra l’80 e l’84%. Tuttavia, è necessario considerare la qualità della forma d’onda e la valutazione dell’individuo. Fattori come movimento, temperatura o smalto possono influire sulla precisione.

In genere, più dell’89% del sangue dovrebbe trasportare ossigeno. Questo è il livello di saturazione di ossigeno necessario per mantenere in salute le tue cellule e il tuo corpo. Anche se si ritiene che una saturazione di ossigeno inferiore a questa non provochi temporaneamente danni, casi ripetuti o coerenti di livelli di saturazione di ossigeno ridotti possono essere dannosi.

Un livello di saturazione dell’ossigeno del 95% è considerato normale per la maggior parte degli individui sani. Un livello del 92 percento indica una potenziale ipossiemia o carenza di ossigeno che raggiunge i tessuti del corpo.