Star TrekAlcuni fisici hanno stampato in 3D una versione microscopica della USS Voyager di Star Trek. La minuscola astronave ottenuta è lunga solo cinque micrometri, l’equivalente di 0,005 mm.

Il progetto è un’idea dei ricercatori dell’Università di Leida che hanno stampato una serie di oggetti molto piccoli che possono muoversi attraverso i liquidi. Il modo in cui questi micro-oggetti attraversano una componente liquida è merito delle conseguenti reazioni chimiche. Il rivestimento di platino su ciascuno degli oggetti reagisce a una soluzione di perossido di idrogeno e la forza risultante li spinge attraverso la sostanza stessa.

Alcuni di questi oggetti possono essere spinti da un campo magnetico esterno, tuttavia non sarebbe molto pratico in applicazioni che richiedono che le particelle siano autonome. Di solito, studi come quelli condotti da questi ricercatori utilizzano oggetti sferici. Per la prima volta sono stati utilizzati oggetti piccoli allo stesso modo ma dalle forme completamente diverse. Uno di questi oggetti è proprio la mini navicella ispirata a Star Trek citata prima.

Astronave di Star Trek in 3D diventa oggetto di studio dalle dimensioni micrometriche

“Uno di questi studi ha dimostrato che le particelle a forma di L seguono traiettorie circolari”, affermano i ricercatori. “Trovati schemi di movimento inaspettati. Il modello USS Voyager non è l’unico oggetto di piccole dimensioni che i ricercatori hanno stampato. Insieme alle eliche e ai disegni di lecca-lecca, è stata realizzata anche una barca lunga 30 micrometri (circa un terzo dello spessore di un capello umano) che è un oggetto di prova standard per stampanti 3D.

“3D Benchy è una struttura progettata per testare stampanti 3D macroscopiche perché ha diverse caratteristiche impegnative, ed è stato naturale provarla anche su scala micrometrica” ​​ha detto a Gizmodo la ricercatrice Daniela Kraft. “Inoltre, è divertente realizzare una barca di dimensioni micrometriche”. Come risultato della ricerca, gli scienziati potrebbero essere in grado di comprendere meglio i “micro-nuotatori” biologici. Questi includono sperma, batteri e globuli bianchi.

“Come la simmetria e la forma si accoppiano ai modelli di movimento, è di valore significativo nella comprensione dei sistemi attivi sintetici e biologici allo stesso modo, individualmente e collettivamente. In definitiva, consentirà un maggiore controllo del comportamento dei micro sistemi sintetici, utili per applicazioni nella diagnostica terapeutica e nella somministrazione di farmaci“.