Negli ultimi mesi piattaforme come Zoom, Microsoft Teams e Google Meet hanno offerto a tantissimi studenti e lavoratori la possibilità di non interrompere le loro attività sfruttandone i vari servizi proposti. La decisione di optare per lo smartworking continua ad essere una soluzione per numerose aziende così come la didattica a distanza per scuole e università. Inevitabilmente il successo riscosso dalle varie piattaforme ha alimentato la rivalità tra colossi che si impegnano periodicamente al fine di offrire ai loro utenti quanti più servizi e un’ottima qualità. L’ultima mossa del colosso di Mountain View è da interpretare in tale prospettiva poiché riguarda l’introduzione di nuove funzioni dedicate agli utenti di Google Meet. 

Google Meet: la piattaforma permette di utilizzare due nuove funzioni per sondaggi e domande!

 

La piattaforma Google Meet adesso permette di sfruttare ben due nuove funzioni. Gli utenti, durante le videoconferenze avranno la possibilità di utilizzare un’apposita sezione dedicata alle domande che, inoltre, potranno essere valutate così da poter avere la possibilità di visualizzare in primo luogo i quesiti ritenuti più importanti. Al termine della riunione Google Meet invierà poi una mail contenente tutte le domande così da permette agli interessati di rispondere in un secondo momento senza tralasciare nulla.

Un’altra funzione recentemente introdotta riguarda la possibilità di avviare i sondaggi. Gli utenti potranno quindi usufruire di quest’ultima funzione che si rivela davvero utile nel caso di riunioni particolarmente affollate. Anche in questo caso, al termine della sessione, Google Meet invia un’email riepilogativa che mostra i risultati del sondaggio.