RAISappiamo da tempo che è possibile utilizzare la procedura di esenzione RAI per il canone televisivo. Come visto, esistono dei metodi più o meno convenzionali per far fronte alla richiesta di annullamento per il pagamento delle rate in bolletta. Ma non esiste, ad oggi, alcun sistema che garantisca il rimborso. Nel 100% dei casi si entra nell’ipotesi di truffa, perpetrata dai soliti ignoti del web che non hanno altro scopo se non estorcere denaro ed informazioni personali. L’ultimo caso è davvero eclatante. Ecco cosa è successo.

 

RAI: la truffa che mette in cattiva luce la compagnia e svuota il tuo portafogli

La nota emittente televisiva non ha nulla a che fare con la recente questione che ha visto gettare fumo negli occhi degli utenti attivi sul Digitale Terrestre. Gli interessati sono stati portati a credere che esistesse un sistema di rimborso per quanto speso negli anni a sostegno del servizio televisivo. Ragazzi, non c’è niente di vero.

Il falso mito dell’accredito delle rate è stato confermato quale fake news dopo il rapporto di analisi emerso a valle delle indagini sulle email sospette pervenute agli utenti. All’interno di questi messaggi si è trovato lo scarno riferimento alla società che invita alla massima cautela. La presenza del logo RAI inganna mettendo a serio rischio la nostra sicurezza personale e finanziaria.

Dalla mail si viene dirottati su un sito web gestito dagli hacker che con un lampante tentativo di pharming rubano le info personali ed i dati essenziali del conto in banca via questionario informativo. Dobbiamo prestare la massima attenzione in quanto cià ceh è stato pagato non sarà mai rimborsato.