dvb t2Il digitale terrestre 2.0, chiamato più comunemente DVB T2, dato il nome dello standard di comunicazione, sta per arrivare ufficialmente sul territorio italiano. In tantissimi sono preoccupati di essere costretti a cambiare televisore, portando così con sé spese elevatissime di gestione e di ammodernamento.

Non tutto è perduto, prima di creare inutili allarmismi, è bene fare un passo indietro e cercare di capire quali saranno a tutti gli effetti gli utenti che si troveranno in una situazione di questo tipo. Parliamo di possessori di TV decoder esterni di diversi anni fa, almeno 6 anni; nell’eventualità in cui regnasse ancora l’incertezza, è possibile fare un piccolissimo test che vi aiuterà, basta infatti collegarsi al canale 100 200 del digitale terrestre, se viene visualizzato un messaggio d’errore, allora non è compatibile con il DVB T2 e sarete costretti ad acquistare un nuovo modello o decoder esterno.

 

DVB T2: ecco quali sono gli utenti che dovranno cambiare televisore

A questo punto, tuttavia, entra in gioco il bonus di 50 euro previsto dallo Stato Italiano, la procedura per richiederlo è davvero semplicissima. La prima cosa da fare è scaricare direttamente dal sito ufficiale l’autocertificazione, tramite la quale si dichiara di non avere già usufruito del bonus, e sopratutto di avere un ISEE famigliare inferiore ai 20’000 euro.

Fatto questo, basterà recarvi personalmente in un qualsiasi negozio sparso per il territorio nazionale (anche i più comuni rivenditori di elettronica), potrete presentare il modulo ed automaticamente verranno scontati dallo scontrino finale i 50 euro previsti dal bonus dello Stato Italiano.