Coronavirus-Supermercato-TUNNEL

Il Coronavirus ci ha colti impreparati e piuttosto inesperti. Col trascorrere di giorni e mesi, tra una fase e l’altra, le armi per contrastare il virus sono aumentate di gran numero. Il settore del ristoro ha dovuto più di tutti munirsi di sistemi di sicurezza ed igiene, così ecco che nasce il tunnel. Un meccanismo posto all’entrata di diversi supermercati.

Coronavirus e Supermercato: come funziona il sistema di disinfezione?

Disinfectunnel è il suo nome e nasce grazie a EmiControls. Trattasi di un passaggio all’interno del quale le persone vengono disinfettate dalla testa ai piedi attraverso l’acqua nebulizzata unita ad un agente capace di abbattere rapidamente virus, batteri e funghi. Per giunta il tunnel consente, la completa pulizia della superficie dei carrelli, così da poterli utilizzare in sicurezza per la spesa all’interno del punto vendita.

Gli erogatori posti nella struttura trasformano il composto in una nebbia d’acqua fine, che si posa su tutte le superfici esposte, dalla pelle agli indumenti, dalla borsa allo smartphone, fino al carrello della spesa. Come ci si comporta al suo interno? Si entra nel tunnel di disinfezione, si tengono le braccia distese e ci si lascia nebulizzare, poi ci si gira di 90 gradi; si mettono davanti alla bocchetta le suole delle scarpe e gli altri oggetti da disinfettare. Il tutto avviene in 15 secondi e dura per ore.

I test realizzati dal laboratorio SEA di Trento hanno studiato l’efficacia del tunnel di disinfezione. L’abbattimento sulle due tipologie di tessuto utilizzate per il test, è molto buono: dopo 30 secondi di azione l’eliminazione è di circa il 90%.