mascherine-grafene

Se c’è un dispositivo che negli scorsi mesi è andato assolutamente a ruba, tanto da esaurire le scorte italiane e obbligare lo Stato a chiederne di nuove ai Paesi esteri, si tratta di certo della mascherina.

Qualsiasi tipologia di questo strumento è stata richiestissima da parte dei cittadini, che fosse la mascherina chirurgica, atta a proteggere le persone circostanti, o anche la mascherina di tipo FFP2 e FFP3 necessarie per proteggere anche se stessi dal possibile contagio.

Al tempo stesso, nessuna mascherina è riutilizzabile per molto tempo. In realtà, quelle chirurgiche andrebbero cambiate dopo qualche ora, e le FFP2 o FFP3 dovrebbero essere tenute per un giorno al massimo: si tratta dunque di soluzioni monouso, che però per necessità palesi è stato necessario impiegare per più tempo e per più volte di quanto realmente si potesse fare.

La vera rivoluzione arriva però con la nuova tipologia di mascherina, che si propone come la migliore al mondo: il nuovo ritrovato della LIGC Applications infatti garantisce sicurezza massima ed un’efficacia al 99%.

La rivoluzione delle mascherine comincia ora, grazie a questo nuovo modello

L’annuncio è arrivato da appena qualche settimana, e moltissimi utenti si sono interessati al suo acquisto.

La Guardian G-Volt (questo il suo nome) rappresenta infatti una novità assoluta, dal momento che si tratta della prima ed unica mascherina ad avere un’efficacia così elevata: uccide fino al 99% di microrganismi con diametro superiore a 0,5 micron, scendendo di poco in termini di efficacia per virus e batteri di diametro inferiore.

A renderla speciale è la sua trama in grafene, un materiale naturalmente antibatterico, che viene sterilizzata grazie ad una scarica elettrica a bassa tensione che neutralizza i batteri e i virus che vi sono rimasti intrappolati.