postepayLe PostePay sono attualmente, e continuamente, prese di mira da malviventi senza scrupoli il cui unico scopo sembra proprio essere quello di voler rubare tutto il denaro di contribuenti che hanno trascorso anni prima di riuscire ad accumularne un discreto quantitativo.

La truffa messa in piedi dai cybercriminali segue esattamente le linee del phishing, molto comune anche per quanto riguarda gli istituti di credito bancari, come ad esempio Intesa Sanpaolo, Unicredit o BNL. Il cliente si ritrova innanzitutto a ricevere un messaggio di posta elettronica con mittente Poste Italiane, al suo interno si trovano frasi atte ad accrescerne la preoccupazione, proponendo la risoluzione del problema mediante la pressione di un link interno.

 

PostePay: le truffe possono essere davvero terribili

Il collegamento sarà diretto ad un sito internet che a prima vista apparirà esattamente identico all’originale, ma a conti fatti sarà salvato su un server interamente gestito dai malviventi. Ciò sta a significare che ogni dato inserito nello stesso verrà memorizzato da quest’ultimi, per poi essere utilizzato a piacimento per accedere indisturbati al conto corrente del malcapitato.

Nell’eventualità in cui vi trovaste in una situazione di questo tipo, prima di tutto dovete segnalare il tentativo di truffa all’azienda di riferimento, poi cancellare immediatamente il messaggio di posta elettronica e non dargli seguito. Il furto dei dati sensibili avverrà solo ed esclusivamente nel momento in cui andrete ad inserirli tra le sue pagine, non semplicemente collegandovi al sito linkato.

Ricordate infine che nessuna azienda invia messaggi di questo tipo, a meno che non ne abbiate fatto richiesta.