netflix

Dopo l’allarme lanciato da Fastweb in Italia e altri gestori europei, per arginare la crisi dei consumi internet Netflix vuole ridurre la qualità dello streaming video in Europa per circa un mese. Con le reti sovraccariche per colpa della quarantena che costringe milioni di Italiani in casa, l’azienda ha dichiarato:”riteniamo che abbassare il bitrate ridurrà il traffico Netflix sulle reti europee di circa il 25% garantendo al contempo una buona qualità del servizio per i nostri utenti“.

La scelta di Netflix segue la decisione del Commissario UE per il mercato interno e l’industria Thierry Breton, il quale aveva individuato nell’abbassamento della qualità video delle piattaforme di contenuti audiovisivi online la soluzione alla congestione di Internet. La pronta adesione all’iniziativa da parte di Netflix è stata pertanto elogiata da Breton, ritenendo che Hastings “abbia dimostrato un forte senso di responsabilità e solidarietà“.

 

Netflix pronto ad abbassare la definizione per non collassare internet

La Commissione UE è preoccupata che il consumo in traffico dati da parte degli utenti possa mettere in crisi le reti dei servizi sanitari e quelle delle istituzioni, e nel mentre ha invitato gli utenti all’uso di reti wi-fi.

Per citare un esempio della gravità della situazione, in questi giorni FastWeb e Vodafone hanno sottolineato un aumento del traffico dati di oltre il 30%, con punte del 50% in alcune zone. Altri fornitori di telecomunicazione europei hanno avuto lo stesso problema, ritenendo che l’aumento della connettività non sia dovuto a cause sostenibili.

Infatti, il forte incremento di traffico dati sulla rete Internet è dovuto allo streaming video e al gaming online. Nella classifica di chi chiede più banda ci sono infatti i videogiocatori, seguiti dagli accaniti fruitori di serie tv e film in streaming, mentre social network e smart working sono fanalini di coda.