aumento prezzo benzina diesel GPLIl Coronavirus continua a preoccupare tantissime persone e ad oggi tutti continuano a rispettare e a adeguarsi alle nuove direttive. La pandemia mondiale, dichiarata così dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, continua ad influire molto sui mercati globali, soprattutto sul mercato dei carburanti fossili.

In questi giorni si continua a condurre studi a riguardo per analizzare accuratamente la situazione e, secondo i risultati registrati, l’emergenza sanitaria dovuta al COVID-19 ha registrato un calo vertiginoso superiore a quello avuto durante la crisi economica globale del 2008. Eccovi descritto, nel paragrafo qui di seguito, un quadro più dettagliato della situazione attuale.

Carburanti ancora al ribasso: ecco le ultime novità sulla benzina e sul diesel

Secondo i dati raccolti, l’oro nero precipita sfiorando perdite in alcuni casi del 31% per via di industrie rallentate o ferme, compagnie aeree o di navigazione in stallo e consumatori “bloccati” a casa per via delle nuove direttive attuate da quasi tutti i governi mondiali. In Italia anche i listini prezzi della benzina e del diesel hanno subito un calo anche se non molto sostanziale. Il MISE, Ministero dello Sviluppo Economico, aggiorna quotidianamente i costi della benzina e del diesel nella modalità self-service e servito.

In modalità di servizio standard (o servito) la benzina è scesa a 1,645 euro a litro, mentre il diesel a 1,534 euro a litro. La modalità self-service, invece, della benzina è scesa a 1,495 euro a litro, mentre quella del diesel a 1,382 euro a litro.

Secondo alcune supposizioni il costo dei carburanti fossili potrebbe scendere ulteriormente nei prossimi giorni, vista la velocità di propagazione del COVID-19. Si attendono ulteriori informazioni riguardanti l’argomento.