Le tecniche impiegate dai cyber-criminali per truffare gli utenti sono svariate ma il phishing resta ancora il tentativo di frode online maggiormente diffuso. Tramite questo i malfattori cercano di persuadere gli utenti, ingannarli psicologicamente e convincerli a seguire alcune indicazioni che inconsapevolmente autorizzano la truffa. A tal proposito vengono utilizzati i nomi di aziende e istituti bancari molto noti; e create delle comunicazioni fittizie che sembrerebbero provenire proprio dagli enti in questione. I messaggi divulgati presentano caratteristiche ben precise e tra queste la richiesta di fornire dati, codici, password o altre informazioni sensibili; senza le quali sarebbe impossibile continuare ad utilizzare le proprie carte di credito o i conti correnti. Le truffe inventate dai malfattori per raggiungere il loro obiettivo sono numerose ma spesso si presentano mantenendo invariato il messaggio e colpendo principalmente i titolari di carte PostePay e conti correnti.

Nuove truffe: i malfattori mirano alle carte PostePay e ai conti correnti degli utenti!

 

Le truffe che attaccano i titolari di carte prepagate PostePay e conti correnti arrivano soprattutto via email che comunicano l’improvvisa sospensione dei servizi online; e, quindi, il necessario aggiornamento dei dati di accesso al conto online.

L’intento è quello di utilizzare una comunicazione fittizia per intimorire le vittime e convincerle a fornire in prima persona quei dati che, non appena arrivati ai cyber-criminali, permettono di prelevare i risparmi accedendo al conto senza alcuna difficoltà. Proprio per questo, i criminali suggeriscono anche di utilizzare un apposito link che spedirebbe gli utenti alla pagina in cui inserire i dati richiesti. Una pagina assolutamente da evitare, in quanto fraudolenta, capace di trafugare i dati e consentire ai malfattori di portare a termine la truffa senza destare alcun sospetto.