Secondo le ultime stime fatte da parte di Malwarebytes, l’azienda alla base dell’omonimo software antivirus, il numero di segnalazioni da parte di utenti Mac è aumentato di circa il 400% nel passato 2019.

Infatti l’azienda analizzando i dati dell’endpoint 2019, ha rilevato 11 minacce per endpoint su Mac, contro le 5,8 rilevate su Windows, un dato decisamente sorprendente.

I motivi dietro l’aumento

Malwarebytes afferma che l’aumento del 400% nel 2019 rilevato sugli utenti Mac è da attribuirsi a molteplici ragioni.

In prima istanza c’è da considerare un aumento degli utenti base Malwarebytes che hanno appunto installato il programma sulla propria postazione.

Ecco perchè per fare il confronto è stata usata come metrica l’endpoint.

Analizzando i dati delle rilevazioni è emerso che la principale minaccia circolante sui Mac è l’adware, un piccolo programmino che altro no fa se non restituire a schermo numerose pubblicità senza il consenso dell’utente.

Il principale adware circolante su Mac si chiama NewTab, che sfrutta il browser web per installarsi come estensione e reindirizzare l’utente verso siti ricchi di pubblicità, con lo scopo di farne arricchire il proprietario.

Si tratta del primo caso di malware maggiormente presente su Mac piuttosto che su Windows, che dal canto suo mantiene il podio riguardo la pericolosità dei malware.

Infatti i malware di Windows rimangono decisamente più pericolosi dal momento che spesso non si fermano solo a proiettare pubblicità, bensì a rubare i dati degli utenti.

Da questa stima Malwarebytes ha affermato ufficialmente che al giorno d’oggi i sistemi Mac non sono più considerabili immuni ai tanto famigerati malware.