Home News NASA: revisione di Starliner di Boeing dopo battute d’arresto

NASA: revisione di Starliner di Boeing dopo battute d’arresto

Continuano le difficoltà per Boeing, sta volta un errore di software porta a ritardare delle missioni con la NASA che dovevano essere imminenti.

Il Boeing non può proprio prendersi una pausa. Attualmente in mezzo a una lunga controversia relativa al velivolo 737 Max a terra della compagnia , il produttore aerospaziale sta ora affrontando il controllo della NASA. La capsula dell’equipaggio CST-100 Starliner della Boeing avrebbe dovuto attraccare alla Stazione Spaziale Internazionale durante il suo volo di prova inaugurale a dicembre. Tuttavia, un errore del software ha impedito al velivolo di raggiungere l’orbita corretta. Ora, un secondo – e più pericoloso – problema tecnico è stato scoperto.

Secondo SpaceNews, Paul Hill, membro del comitato consultivo per la sicurezza aerospaziale della NASA, ha dichiarato: “… se non fosse stato corretto, avrebbe provocato incendi errati del propulsore e movimenti incontrollati … con il potenziale di un catastrofico guasto di un veicolo” dice durante una teleconferenza. Boeing e la NASA speravano di seguire il test di dicembre con un volo con equipaggio. Dopo aver riscontrato molteplici problemi con il lavoro di Boeing però, l’agenzia spaziale chiede una revisione dei processi di verifica del software dell’azienda prima di procedere.

 

Boeing: insieme alla NASA si cerca di risolvere i problemi principali

La NASA e Boeing stanno ancora studiando il primo errore del software e ora stanno cercando di capire meglio il secondo glitch. Queste molteplici problematiche giustificano una revisione più approfondita, secondo Hill. Boeing afferma di aver accettato il suggerimento e di coordinarsi con la NASA, oltre a prendere una tassa di $ 410 milioni contro i suoi guadagni per aiutare a pagare per un secondo volo di prova senza pilota.

La NASA stava pianificando di utilizzare lo Starliner di Boeing in una missione presidiata nel dicembre 2020. Ora è probabile che la cronologia si sia spostata alla luce della revisione in corso. Inoltre, non sarebbe sorprendente se le preoccupazioni in corso con il 737 MAX dell’azienda avessero influenzato la decisione della NASA di approfondire le pratiche dell’appaltatore. Come questi problemi influenzeranno Boeing come azienda resta da vedere.