Il bisogno e il desiderio di risparmiare qualche euro sulle bollette, non sono mai motivi ragionevoli per ricorrere a trucchetti e metodi illegali per spendere meno su energia elettrica e altre spese. Qui di seguito vorrei elencarvi una serie di truffe attuate da persone in grado di manomettere i contatori dell’elettricità.

Ecco di seguito quali sono questi metodi

Alcuni di questi metodi sono piuttosto vecchi e conosciuti, quindi non vi suoneranno nuovi, ma ci sono anche metodi più recenti, per lo più illegali. Ecco qui un elenco:

  • Uno dei metodi più noti in assoluto è probabilmente quello allacciare la propria corrente all’energia elettrica pubblica: in questo modo non si utilizzerebbe affatto la propria risparmiando sostanziose cifre sulle bollette. Tuttavia, una volta scoperti, gli individui che scelgono questa alternativa sono perseguibili penalmente e ahimé le spese da affrontare in quel caso sono ben più alte del risparmio che si trae da questo tipo di truffa;
  • Attaccare la propria corrente al contatore del vicino è un altro deprecabile metodo di risparmio. In questo caso tutti i nostri consumi verrebbero addebitati al povero vicino inconsapevole. È decisamente bene evitare una simile ingiustizia, a sua volta perseguibile penalmente;
  • Un modo ulteriore per risparmiare, è quello di allacciare la corrente in ogni abitazione del vicinato, in accordo con gli altri utenti, in modo da pagare una sola bolletta tutti insieme. In questo modo si pagherebbe la propria parte ma questo metodo abbatterebbe di molto i costi;
  • L’ultimo metodo è il più recente e potreste non conoscerlo. Si tratta infatti di un metodo per rallentare il conteggio dell’elettricità, direttamente dal contatore, applicandovi sopra un magnete che permette solo in parte di rilevare i consumi di energia. Inutile dirvi che anche questo metodo è altamente illegale.

Ora che conoscete tutti questi metodi, a voi il giudizio. Vale davvero la pena di correre tutti questi rischi per risparmiare qualche soldo? Onestamente io non credo.