Manca poco meno di un mese alla presentazione della prossima serie di punta di Samsung. Un percorso che è durato un anno in cui il colosso sudcoreano si è messo a testare nuove tecnologie per poterle inserire all’interno delle ammiraglie, gli smartphone simbolo del marchio. Di attesa ce n’è tanta anche perché anche a questo giro c’è stata una piccola rivoluzione in fatto di modelli. Ecco la serie Galaxy S20.

 

Samsung Galaxy S20

Il processore alla base sarà uguale per tutti ovvero l’Exynos 990. Quest’ultimo, con il proprio modem dedicato, garantirà il supporto alla rete 5G per tutti i modelli. La RAM è l’unico aspetto non rivelato, ma per la ROM c’è il taglio da 128 GB per tutti, espandibile fino a 1 TB grazie alla micro SD, e un taglio da 512 GB nativo per il Galaxy S20 Ultra.

Il display sarà da 6,2 pollici per il modello base, 6,7″ per quello Plus e 6,9″ per quello Ultra. La risoluzione sarà sempre di 3200 x 1440 pixel, un pannello Infinity-O Dynamic AMOLED con frequenza d’aggiornamento da 120Hz. Le batterie invece saranno rispettivamente di 4.000 mAh, 4.500 mAh e 5000 mAh.

Un altro punto in cui sono tutti diverse, o meglio c’è un’aggiunta ogni volta che si passa di classe, è il comparto fotografico. Posteriormente per il Galaxy S20 c’è una configurazione tripla con un grandangolare da 12 MP, un ultra-grandangolare sempre da 12 MP e un teleobiettivo da 64 MP; quella frontale è da 10 MP. Per il Galaxy S20 Plus è la stessa configurazione, ma con in aggiunta un time of flight. Per il Galaxy S20 Ultra la fotocamera principale sarà di ben 108 Megapixel mentre quella frontale sarà da 40 MP.

Articolo precedenteLouis Vuitton: il prezzo pazzo dei nuovi auricolari
Articolo successivoHydraloop fornisce una soluzione per riciclare l’acqua in casa