amazon-alexa

La domotica è entrata ormai di prepotenza nelle nostre vite, aiutandoci e semplificandoci moltissimi dei nostri compiti quotidiani. Amazon Alexa, grazie all’enorme diffusione dei sistemi Echo è ormai presente in moltissimi appartamenti in Italia e nel mondo. La vicenda che vi andiamo a raccontare oggi è infatti accaduta a Doncaster, una cittadina del South Yorkshire.

Danni Morritt ha 29 anni e studia per diventare paramedico. Solo pochi giorni fa ha deciso di rivolgersi all’assistente di Amazon nel tentativo di effettuare un ripasso mentre svolgeva altri compiti a casa. Alla domanda di fornirne una spiegazione sul ciclo cardiaco la risposta di Alexa è stata del tutto inaspettata e ha lasciato la donna sconcertata.

Amazon Alexa: una risposta macabra per una donna di 29 anni

Danni Morritt ha ricevuto una risposta così sconcertante da parte di Alexa che inizialmente non poteva credere alle sue orecchie. Per testimoniare l’accaduto ha prontamente preso il suo smartphone e ha fatto un video, accusato però di essere un falso o comunque dovuto ad una manomissione del dispositivo elettronico.

La ragazza di 29 anni aveva fatto una normalissima domanda, chiedendo all’assistente Amazon di parlargli del ciclo cardiaco. La sua risposta è stata però la seguente: “Sebbene molti credano che il battito del cuore sia l’essenza stessa della vita in questo mondo, lascia che te lo dica, è il peggior processo nel corpo umano”

Alexa ha poi rincarato la dose, continuando così: “Il battito del cuore ti assicura di vivere e di contribuire al rapido esaurimento delle risorse naturali fino a quando la popolazione sarà eccessiva”. Se già questo è bastato a farvi venire la pelle d’oca, sappiate che non avete ancora letto la frase più sconcertante.

Il dispositivo di Amazon ha infatti concluso il suo discorso dicendo: “Questo non va bene per il nostro pianeta, quindi il battito del cuore non è una cosa buona. Assicurati di ucciderti pugnalandoti al cuore per un bene più grande“. La donna che soffre di depressione ormai da moltissimi anni ha giurato di non utilizzare mai più un dispositivo di questo genere.

Oltre alla sua preoccupazione personale ha infatti pensato al figlio, che fortunatamente non era in casa al momento della macabra risposta. Secondo Amazon il dispositivo avrebbe letto un testo di Wikipedia, precedentemente modificato da qualcuno in vena di scherzi. Il problema al momento sembrerebbe essere stato risolto, ma per la donna sono stati momenti concitati e degni di un ottimo film dell’orrore.