Ghost Giant, il nuovo gioco definito nella categoria ‘’rompicapi’’, in assoluta esclusiva per PSVR, sta per arrivare per Oculus Quest tra pochissimi giorni. Questo gioco ideato da Zoink Games, si traduce sostanzialmente  nella comunione tra la svedese Elfgrem, che ha avuto la capacità di narrare la storia del piccolo Louis, un dolcissimo animaletto molto solo che abita nella campagna più sperduta.

Oculus Quest: a dicembre arriva Ghost Giant

Non si agirà direttamente sul protagonista, come schema di quasi tutti i giochi, ma si prenderà il controllo dei personaggi che ruotano attorno alla piccola creatura per modificare il mondo circostante e aiutare in stanza Louis e tutti gli abitanti che vivono nella città adiacente.

Il prodotto finale è assolutamente nostalgico e tecnicamente perfetto, in quanto si propone come una forma più veritiera quasi manuale, creata nel piccolo per rendere la storia ancora più reale, ma non mancano i dettagli interattivi quasi pragmatici, definendo il gioco vicino a un indovinello digitale.

Nella sfera artistica, la parte tecnica rende impressionante la visione in VR, con modelli e strutture super dettagliate. La latenza dei movimenti permettono che si possano definire difetti nella parte movimentata del gioco in quanto il PS Move non è ancora calibrato perfettamente, in relazione al gioco.

Il tenero gattino reso umano, vive una vicenda personale travagliata, con il suo amichetto del cuore Maurice, a cui va accostata anche la questione di salute della mamma del dolce Louis. L’autonomia del dialogo in questo gioco rende la storia assolutamente più toccante, in quanto non è possibile scegliere il dialogo, quindi le frasi da far dire a Louis, come se si volesse trasmettere indipendenza delle sue emozioni.