5G aumentano investimenti

AGCOM ha appena pubblicato un report sugli investimenti e i ricavi dei principali operatori telefonici italiani relativo al quinquennio 2014-2018. Sebbene dal documento si evinca che i vari TIM, Wind, Tre e Vodafone abbiano dei ricavi in flessione rispetto ai dati del 2014, tuttavia ci sono miglioramenti significativi nel comparto investimenti del 5G.

Infatti, se i ricavi complessivi dei gestori nel 2018 si attestano a 30,6 miliardi di euro ed equivalgono a un -2,6% rispetto al 2014, e se l’occupazione nel quinquennio si è ridotta del 4,2% per colpa anche dell’espansione di Open Fiber, gli investimenti nelle frequenze 5G sono molto importanti.

 

La rete 5G traina gli investimenti in Italia: AGCOM incorona TIM e Vodafone

Per fare un esempio del perché AGCOM vede un lato positivo in questo quinquennio, TIM e Vodafone hanno investito qualcosa come 4,8 miliardi di euro solo per l’acquisizione delle frequenze 5G, i quali si vanno ad aggiungere agli altri 7,3 miliardi di euro di altri gestori, tra cui spicca ovviamente la new entry Iliad con più di 1,3 miliardi di euro.

Leggi anche:  3G disattivato e distrutto a causa della nuova rete 5G

Dunque ricavi a parte del comparto telecomunicazioni, sono proprio gli investimenti sulle frequenze del 5G che trainano il settore Telco; il tutto mentre in Commissione Europea si cominciano a discutere i parametri di sicurezza sulla nuova tecnologia che stanno destando preoccupazione.

Ma il report del Garante è finalizzato al solo lato economico e conferma dunque l’ottimo lavoro dei vari TIM, Wind Tre, Vodafone, Fastweb e Iliad che stanno portando avanti dal punto di vista degli investimenti. Il settore Telco ha infatti destinato nello sviluppo oltre 74 miliardi di euro a fronte di 380 miliardi di euro di ricavi.