Google si è sempre distinta per la sua peculiarità nel fornire un servizio estremamente all’avanguardia e attento a integrare le nuove tecnologie all’interno dei propri sistemi. Tra i servizi più amati dagli utenti va sicuramente incluso il servizio mail di Big G, Gmail, che inserisce continuamente interessanti novità tramite i suoi update, introducendo di volta in volta nuove funzioni.

Con questa nuova funzione, però, Google ha davvero fatto un salto di qualità, intervenendo su una problematica che gli utenti sentono molto vicina. Sarà capitato a tutti, infatti, di commettere errori di distrazione o digitazione prima dell’invio di una mail. Questi errori potrebbero avere conseguenze pesanti qualora fossero rivolte ad autorità o, ad esempio, al proprio capo. Per questo motivo, Google sfrutterà l’intelligenza artificiale per correggere gli errori di battitura, ortografia o grammatica che si possono commettere nella stesura di un’email.

Google introduce l’AI: arriva la correzione automatica delle mail

Google ha dunque introdotto l’AI nella propria mail, in maniera tale da identificare gli errori di battitura o grammaticali e intervenire nell’immediato a correggerli. In base alla gravità dell’errore, vi saranno due colorazioni per la sottolineatura: rosso se di media rilevanza e blu se molto grave. Contestualmente avverrà la correzione automatica degli errori più comuni.

Leggi anche:  Gmail introduce l’intelligenza artificiale: ecco le novità

Talvolta potrebbero restare delle parole sottolineate anche dopo la correzione automatica: sono gli errori di cui Google non è certa. Basterà quindi un tap per far aprire un menù in cui sono presenti le varie correzioni possibili suggerite. Le parole corrette automaticamente, invece, resteranno evidenziate per un po’ affinché chi scrive possa decidere se preservare la correzione o cambiarla a proprio piacimento.

L’impostazione sarà presente di default dal prossimo aggiornamento, ma qualora non si desiderasse questa opportunità, la si potrà disattivare direttamente dalle impostazioni di Gmail.