huawei-vendere-business-5g

Huawei è il leader incontrastato del settore delle telecomunicazioni a livello globale, e lo ancora di più se si guarda solo alla rete di nuova generazione, il 5G. Detto questo, il colosso cinese non è esente da problemi i quali stanno minando parte del loro vantaggio per quanto riguarda l’avanzamento della tecnologia. Molti paesi del mondo li stanno  tagliando fuori a causa di sospetti di spionaggio, tra cui gli Stati Uniti.

Apparentemente Ren Zhengfei, il CEO di Huawei, ha fatto capire che sarebbero pronti a fare un passo importante, vendere parte degli asset relativi al business 5G. L’idea è di venderli ad una compagnia con sede fuori dall’Asia. La compagnia che li acquisterà avrà accesso a tutta la tecnologia relativa e sarà in grado di metterci mano previo pagamento una tantum.

 

Huawei e la strada obbligatoria

Questa scelta sembra quasi obbligatoria. Affidare la tecnologia ad una società non legata strettamente al marchio cinese potrebbe risulterà un ottimo modo per distendere il clima attualmente presente. Gli Stati Uniti, per esempio, potrebbero essere più propensi a fare entrare una compagnia del genere piuttosto che Huawei per mettere in piedi l‘infrastruttura per la rete 5G.

Leggi anche:  Huawei Mate 30 Pro sarà presentato ufficialmente il 19 settembre

Attualmente i costi di questa operazione non sono stati resi noti anche perché risulta essere ancora più un’idea. La concretezza di tale progetto potrebbe arrivare tra qualche settimana, ma di sicuro prima accadrà, prima Huawei riuscirà ad espandere la propria infrastruttura, anche se attraverso un altro nome. In ogni caso, è tutto da vedere se gli stati attualmente scettici potrebbero cambiare idea.