orbita del pianeta HR 5183bGli scienziati hanno appena scoperto un nuovo pianeta il cui comportamento non è raffrontabile a nessun altro corpo celeste del Sistema Solare. Le immagini esemplificative descrivono una situazione davvero curiosa. L’orbita del pianeta chiamato HR 5183b descrive un’ellisse che attraversa virtualmente Giove e Nettuno disegnando uno scenario decisamente improbabile nell’attuale Sistema Solare.

Il pianeta distante 100 anni luce da noi ed avente massa tre volte superiore a quella di Giove, possiede un’orbita fortemente allungata, che lo porta ad allontanarsi moltissimo dalla sua stella, a una distanza superiore di quella che c’è fra Nettuno e il Sole. Un comportamento alquanto strano, ora spiegato su The Astronomical Journa, dove si discute a proposito del curioso effetto fionda.

 

Scoperto il nuovo pianeta – fionda

Sarah Blunt, dottoranda al California Institute of Technology, ha dichiarato:

“Il pianeta è diverso dai pianeti nel nostro Sistema Solare e non assomiglia a nessun esopianeta scoperto finora. Gli altri pianeti rivelati a grandi distanze dalle loro stelle tendono ad avere eccentricità molto basse, il che significa che le loro orbite sono più circolari”.orbita pianeta HR 5183bIl moto di questo corpo celeste è stato monitorato evidenziando variazioni di velocità dovute ad interazione gravitazionale con il moto della stella principale. Ed ecco che analizzando i dati si è scoperto che:

Leggi anche:  K2-18 b: la NASA ha scoperto dell'acqua su questo pianeta simile alla Terra

“l’orbita del pianeta ha un periodo compreso fra i 45 e i 100 anni. Se si trovasse nel nostro Sistema Solare, HR 5183b orbiterebbe infatti fra una distanza minima simile a quella che separa il Sole dalla fascia degli asteroidi, mentre nel punto più lontano si troverebbe oltre l’orbita di Nettuno.”

Il pianeta trascorre il suo tempo nella condizione di grande distanza dalla stella. Ma una volta raggiunta quella massima torna ad accelerare verso la stessa fino a raggiungere la distanza minima, secondo uno schema gravitazionale a fionda ben noto in fisica.

Il fatto che questo pianeta non possegga orbita circolare si spiega con l’ipotesi che in passato possa avere ottenuto un’altra spinta gravitazionale da un altro corpo. Questa è la spiegazione più plausibile. Un incidente planetario dato dall’incontro di due enormi masse astrali gassose, una delle quali è scomparsa lasciando spazio ad una netta deviazione dell’orbita.