blankSecondo un sondaggio recente, milioni di persone stanno mettendo a rischio i propri dati personali accedendo ciecamente a hotspot Wi-Fi in realtà falsi.

Gli utenti possono connettersi a hotspot fuorvianti, che possono sembrare affidabili ma che consentono ai criminali informatici di intercettare gli utenti e rubare dati quali nomi utente, password e dettagli bancari. Queste connessioni wi-fi, che spesso hanno nomi dal suono innocuo come “wifi dell’aeroporto” o “wifi dell’hotel”, possono anche reindirizzare le vittime verso siti di malware dannosi e siti di phishing. Il sondaggio di 2.000 adulti ha rilevato che il 70% ha utilizzato la connessione wifi pubblica gratuita. Più di un terzo ha inserito la password, un quinto ha utilizzato carte di credito e il 31% ha effettuato l’accesso al banking online.

“I consumatori scelgono la convenienza rispetto alla sicurezza quando utilizzano il wifi pubblico“, ha affermato Paul Lipman, CEO di BullGuard, che ha commissionato lo studio. “Gli hacker possono facilmente configurare hotspot dannosi che sembrano legittimi. E possono intercettare e registrare i dati personali delle persone”. La ricerca ha anche scoperto che due terzi degli utenti di wifi pubblici hanno impostato i propri dispositivi per connettersi automaticamente all’hotspot più vicino. In tal modo hanno messo i loro dettagli personali a rischio costantemente.

Molti utenti non sono consapevoli dei dati personali che divulgano accedendo agli hotspot gratuiti per il Wi-Fi

Paul Lipman ha aggiunto: “Se il tuo dispositivo è configurato in questo modo e se non stai prestando attenzione quando scegli per la prima volta un hotspot, anche una volta, e scegli accidentalmente qualcosa di dannoso, il tuo dispositivo lo selezionerà automaticamente ogni volta che si trova nelle vicinanze.” Inoltre, 4 utenti su 10 si collegano abitualmente a hotspot con un nome che riflette la posizione in cui si trovano. Ad esempio, “wifi della biblioteca” o “wifi del ristorante”, che può essere un rischio.

Il sondaggio ha anche identificato la confusione riguardo alla sicurezza durante l’utilizzo del wifi pubblico. Quasi la metà ha erroneamente l’impressione che il software antivirus protegga i propri dati. Paul Lipman ha aggiunto: “Sebbene sia essenziale per rilevare e rimuovere malware dal dispositivo, l’antivirus non offre alcuna protezione dall’intercettazione dei dati da parte di un hotspot dannoso”. “Una rete privata virtuale (VPN) è un modo efficace per proteggerti online quando usi il wifi pubblico. Crea un tunnel di connessione sicuro tra il tuo dispositivo e i siti Web e i servizi a cui stai accedendo per tenerti al sicuro se stai utilizzando uno smartphone o un laptop sul wifi pubblico in un bar o se desideri controllare i conti bancari online da un aeroporto o hotel.”