IPTV: la soluzione VPN creata per salvare gli utenti TIM Vodafone e Wind nei guai

Tra un mese esatto ripartirà il campionato di calcio. Se le squadre si stanno rafforzando in vista della prossima stagione, in campo televisivo già tutto è definito. Sky e DAZN continueranno ad avere l’esclusiva di tutte le partite, ma dovranno affrontare il vero rivale: l’IPTV illegale.

Il pezzotto lo scorso anno è stato scelto da ben due milioni di utenti, molti dei quali sono pronti a confermare la fedeltà verso lo streaming illegale in nome del risparmio economico. A differenza di Sky, DAZN e Netflix, il pezzotto offre la visione di tutti i canali criptati a 10 euro.

 

L’IPTV, affidabilità e multe: ecco perché non scegliere lo streaming illegale

Al netto del risparmio economico, ci sono molti rischi nella scelta dell’IPTV illegale. In prima battuta vanno definiti i rischi relativi all’utilizzo del pezzotto. Le forze dell’ordine hanno la facoltà di elargire multe che arrivano ad un valore di 10mila euro. In alcuni casi, per chi porta il segnale criptato nelle case degli italiani, è prevista anche la reclusione.

Leggi anche:  VPN: ecco perché vengono utilizzate per il "pezzotto" e IPTV

Non va poi sottovalutato anche il discorso affidabilità. A differenza di Sky, infatti, con l’IPTV illegale si verificano sempre carenze di segnale e una pessima qualità delle immagini. Tenuti presenti quelli che sono i benefici ed i rischi relativi allo streaming illegale, è sempre consigliabile scegliere di accedere ai contenuti satellitari o streaming attraverso un abbonamento legale con Sky, DAZN o Netflix.