IPTV: servizio chiuso e multe salatissime agli utenti TIM, Wind, Iliad e Vodafone

L’IPTV continua ad essere molto popolare anche in estate, quando le principali competizioni calcistiche sono in pausa. Lo streaming illegale purtroppo rappresenta una realtà consolidata del nostro paese con oltre due milioni di utenti pronti a ricevere i contenuti criptati di Sky, DAZN e Netflix senza un regolare abbonamento. A favorire la popolarità del sistema di streaming illegale vi è il fattore economico con una spesa media di 10 euro al mese per la fruizione del servizio.

 

L’IPTV approda anche su WhatsApp, ma il rischio per gli utenti è in agguato

Solo un anno fa, l’IPTV era sì conosciuto, ma rappresentava un fenomeno marginale diffuso in maniera quasi segreta attraverso le varie chat nascoste di Telegram. Dalla scorsa stagione televisiva però vi è stato un vero e proprio boom e così l’IPTV è arrivato ad essere sponsorizzato anche sui gruppi diWhatsApp.

Leggi anche:  WhatsApp: perchè gli utenti stanno valutando di abbandonare l'app

Telegram o WhatsApp, però, non cambia la musica per chi sceglie lo streaming illecito. Prendendo in considerazione le attuali normative i clienti possono ricevere una sanzione amministrativa il cui valore arriva anche sino a 30mila euro. 

A giochi fatti, quindi, l’IPTV non è quella fonte di beneficio che molti ipotizzano. Ricordiamo che per il risparmio è sempre possibile sfruttare le numerose promozioni legali che Sky ed altre piattaforme offrono ai clienti in questa offseason calcistica.