Il progetto di Samsung Galaxy Fold è stata un disastro per la società, ed è stato subito chiaro che questo hardware non era pronto per il mercato. Oggi, Il CEO di Samsung, DJ Koh, ha ammesso che il Galaxy Fold è stato lanciato “prima che fosse pronto” e afferma che l’intero incidente è stato “imbarazzante”.

Parlando con i media (tramite Independent), il CEO di Samsung, DJ Koh, ha rivelato alcuni dettagli dietro le quinte sulla situazione di Galaxy Fold. In breve, il CEO della compagnia lo considera un imbarazzo e ha ammesso di averlo “spinto prima che fosse pronto”. Questo ha permesso anche di “perdere qualcosa” sul telefono pieghevole.

Samsung non si tira indietro con il suo smartphone pieghevole

Mentre Koh sembra incolpare gran parte delle sue responsabilità, un altro dirigente di Samsung ha suggerito che parte del problema è la filosofia del brand “fai quello che non puoi”.

Leggi anche:  Apple ha pagato un rimborso di oltre mezzo miliardo di dollari a Samsung

Ancora, Koh dice che Samsung è in “recupero” per il dispositivo. Apparentemente, oltre 2.000 dispositivi sono attualmente testati “in tutti gli aspetti” per individuare problemi con “test del volume di massa”. Dice che i revisori hanno evidenziato problemi a cui Samsung “non ha nemmeno pensato.”

Sfortunatamente, Koh non ha ancora dato una qualsiasi linea temporale per quando verrà lanciato il Galaxy Fold. In un recente incontro con The Independent e altri media a Seoul, in Corea del Sud, Samsung ha spiegato come si sono verificati i problemi. La società ha rivelato lo stato attuale di Galaxy Fold. “Era imbarazzante. L’ho spinto prima che fosse pronto “, ha detto DJ Koh.