Credito residuoI consumatori continuano a lamentarsi di costi nascosti del proprio gestore telefonico e di credito residuo spesso azzerato; purtroppo, le aziende telefoniche di cui si lamentano i consumatori sono Tim, Wind, 3 Italia e Vodafone. Se i consumatori si ritrovano con il credito residuo prosciugato possono esserci due motivazioni:

  1. Il proprio gestore telefonico fornisce dei servizi a pagamento che non sono inclusi nel costo del piano tariffario;
  2. Sulla propria SIM possono essere attivi alcuni abbonamenti telefonici a pagamento.

Questi appena elencati, possono essere i due motivi principali che nella maggior parte dei casi sono la causa di credito telefonico prosciugato o addirittura sotto zero; tramite le segnalazioni ricevute, abbiamo scoperto maggiori dettagli.

Ecco perché il credito residuo telefonico si azzera

Nel primo caso esposto, il proprio gestore telefonico può fornire servizi telefonici a pagamento che non sono inclusi nel piano tariffario attivo del cliente; stiamo parlando di servizi come la segreteria telefonica, il Ti ho cercato, il controllo del credito residuo e così via; non è tutta colpa del gestore telefonico perché occulta i costi ma, il consumatore dovrebbe informarsi di tutto il necessario prima di attivare una nuova tariffa telefonica.

Leggi anche:  Vodafone regala 6 mesi di abbonamento Netflix ad alcuni utenti

Nel secondo caso invece, può capitare che il consumatore attivi involontariamente un abbonamento telefonico; stiamo parlando di servizi telefonici a pagamento come per esempio gli sfondi personalizzatisuonerie particolari e tanto altro. Questi abbonamenti si attivano in automatico tramite banner pubblicitari oppure finestre pop up perché non hanno bisogno di autorizzazioni reali da parte dell’utente; si consiglia, di controllare periodicamente la propria offerta tramite l’applicazione ufficiale del gestore oppure chiamando il Servizio Clienti in modo da verificare che non ci siano servizi aggiuntivi attivi.