ezechiele profezia fine del mondo

L’antica e millenaria profezia sulla fine del mondo teorizzata da Ezechiele ormai secoli or sono, sembra che abbia trovato riscontro nel 2019 a causa di una scoperta effettuata dal fotoreporter Noam Bedein. Tale notizia ha sconvolto il mondo e le comunità religiose ne sono certe: l’apocalisse è imminente.

Le protagoniste di questa storia sono le fotografie di Noam Bedein, il giornalista che ha ritratto dei pesci vivi che nuotano nelle acque del Mar Morto. Gli altri scatti facenti parte del suo progetto Dead Sea Revival Project, mostrano come la regione del Vicino Oriente sia oggigiorno uno dei posti più belli presenti sul pianeta Terra.

Dove sta la stranezza allora? All’interno del Libro della Genesi vi è la profezia di Ezechiele che fa riferimento al ritorno della vita nel Mar Morto come il segnale della fine del mondo. Appare curiosa la coincidenza, motivo per il quale, il mondo è in preda al panico per i presagi funesti.

La scienza tuttavia non si è ancora espressa, ma c’è da dire che vi sono delle discrepanze a livello biologico non indifferenti e che hanno lasciato sbigottiti gli scienziati. Per natura sappiamo che la vita marina non potrebbe esistere in zone dove la salinità è superiore ad un dato valore. Nelle acque del Mare del Sale invece la salinità tocca e supera il 37%. Viene da chiedersi pertanto: come fanno quindi i pesci ritratti da Bedein a vivere in zone come il Mar Morto?

Leggi anche:  Profezia di Ezechiele: la fine del mondo tra Bufala e Realtà

I pesci nel Mar Morto: un evento così semplice e naturale ma che cela un origine mistica

Nell’immaginario mondiale se si pensa alla zona del Vicino Oriente, la si immagina come una regione desolata e arida. Al contrario, il progetto del reporter israeliano descrive l’opposto. La Bibbia ci fa anche un quadro relativo ai cambiamenti climatici della landa in questione. Sappiamo che da oasi fertile è diventata una landa tombale a causa delle guerre di Sodoma e Gomorra che hanno portato a dissesti idrogeologici terribili. Tutto ciò… fino alla scoperta di Bedein, che definisce un nuovo concetto della regione, che sembra essere tornata ai fasti biblici.