PostePay a rischio truffa
Le carte PostePay e PostePay Evolution rischiano nuovamente di essere intaccate dai malfattori che hanno ideato l’ennesimo tentativo di frode online ai danni dei clienti di Poste Italiane. Questa volta nessuna email minaccia i risparmi degli utenti bensì un nuovo SMS fraudolento riguardante il blocco della carta PostePay. Stare allerta è quindi fondamentale poiché l’azienda non è solita contattare gli utenti tramite tali strumenti per fornire informazioni di questo tipo. Qualsiasi email, SMS o messaggio proveniente da Social e app di messaggistica istantanea, è da eliminare qualora richieda di aggiornare e inserire dati personali.

PostePay a rischio truffa: arriva un nuovo SMS phishing che può svuotare le carte!

L’ultimo SMS phishing arriva ai danni dei clienti di Poste Italiane. Ancora una volta nel mirino degli hacker vi sono in particolar modo i titolari di carte PostePay e PostePay Evolution; ingannati nuovamente dal falso blocco della carta.

Il tentativo di frode in questione si è più volte presentato cercando di ingannare e intimorire le vittime, ma è bene ricordare l’intento fraudolento di queste comunicazioni e la loro infondatezza. Queste messaggi, appunto, sono sempre più utilizzati dai cyber-criminali per tentare di intaccare i dati e il denaro di numerosi utenti tramite una tecnica ormai più che consolidata.

Leggi anche:  Postepay, gli acquisti sono più semplici con queste nuove funzioni

Pur diffondendosi attraverso un SMS, anche questo è un classico attacco phishing che mira ad estorcere, tramite l’inganno psicologico, i dati sensibili degli utenti. Una volta ottenuti i dati necessari, i malfattori procedono con il prelievo dei risparmi presenti sul conto; il tutto avviene utilizzando come espediente il necessario aggiornamento delle credenziali a causa del blocco della carta. 

E’ utile ricordare che Poste Italiane ha spesso contattato i suoi clienti per invitarli a diffidare da qualsiasi messaggio contenga la richiesta di aggiornare i dati sensibili. In questi casi, quindi, è bene ignorare quanto ricevuto e non fornire informazioni che possono dare accesso ai risparmi.