boeing 737 max

Boeing è nuovamente sotto attacco dai media a causa di un altro problema emerso durante i test di controllo prima della messa in volo. Il problema sembra essere legato alle ali dell’aeromobile. L’azienda ha comunicato che un blocco di lamelle delle ali sono uscite uscite difettose dal luogo di produzione.

Il problema è stato subito notato dall’azienda che ha tempestivamente avvisato la FAA e le compagnie partner riguardo eventuali aerei difettosi. Il 737 Max 8 è un aereo che a detta di molti, è stato costruito con troppa fretta e senza particolare cura. Infatti per via di un difetto software al sistema anti stallo MCAS, si sono avuti ben due incidenti aerei in soli sei mesi che hanno portato alla morte 346 persone, e un terzo disastro avvenuto un mese fa in Florida, fortunatamente senza vittime.

Il CEO proprio poche settimane fa parlava del futuro dell’aeromobile in maniera ottimistica e fiduciosa. Stando alle sue parole, il 737 Max 8 sarebbe dovuto essere l’aereo più sicuro del mondo mai costruito fino ad oggi. Pochi giorni dopo però, è emersa la problematica delle lamelle alari difettose. Le compagnie partner  dovranno aspettare ancora un bel po’ di tempo prima di poter riutilizzare il 737 Max 8 nelle loro tratte aeree.

Leggi anche:  Boeing 737: ecco le ultime scoperte e novità sull'incidente

La certificazione FAA per il 737 Max 8: un’epopea senza fine

I danni dovuti alle lamelle difettose hanno interessato non solo il 737 Max ma anche il fratello 737 NG 800. Sono più di 300 i modelli di Boeing difettosi da controllare: al momento si contano 32 modelli per l’NG e 33 per il Max 8.

La certificazione della FAA ancora non si vede all’orizzonte, ma quel che è certo è che le aziende stanno lavorando duramente per riconquistare la fiducia degli utenti che al momento sono terrorizzati dal modello di aeromobile che ha portato soltanto disastri.