Gli incidenti stradali causati dalla distrazione al volante sono sempre più frequenti in Italia. Lo Stato Italiano vuole correre ai ripari contro un fenomeno che non vuole smettere di placarsi. Basta osservar fuori dal finestrino della propria autovettura per vedere quante persone, nonostante le durissime sanzioni che la Legge impone, utilizzano uno smartphone alla guida.

Qualsiasi operazione fatta con il telefono in mano mentre si è alla guida è pericolosa, oltre che vietata. Che sia per effettuare una chiamata, per rispondere ad un messaggio, o per guardare la home di Instagram, è sempre illegale. 

Ultimamente il fenomeno dell’utilizzo dello smartphone alla guida è aumentato da quando gli influencer e i vip hanno iniziato a postare stories mentre sono nell’autovettura. Le pene son diventate più pesanti e le multe adesso sono molto più care. Si parla di cifre che superano i 2500 Euro a verbale. Ma sembra non bastare ancora.

Leggi anche:  Smartphone alla guida: ecco cosa rischiano i consumatori

Nuove severissime sanzioni in arrivo

Nell’immediato futuro si prevedono pene ben più dure, multe salatissime e perdita dei punti della patente. Il comandante della Stradale, Santo Puccia vuole proporre il ritiro immediato della patente di guida a chi viene beccato anche una prima volta con lo smartphone al volante. Favorevole alla proposta si è dichiarato anche il deputato alla Commissione Trasporti alla Camera, Alessandro Morelli.

Il pugno di ferro potrebbe portare un virtuosismo dell’italiano, come è accaduto molti anni fa quando sono stati introdotti i punti sulla patente. Al giorno d’oggi per i trasgressori sono previste multe che vanno dai 422 ai 1687 Euro, e in caso di recidività si raddoppiano.