Campus Party e ASUS annunciano Campus Party Sparks per gli esport

ASUS e Campus Party annunciano ufficialmente Campus Party Sparks, un innovativo progetto esport che si articola su tre team, attivi su altrettanti titoli diffusi ed amati dal più largo pubblico – League of Legends, Fortnite, Fifa – ma che si esprime e realizza non solo intrattenimento e competizione, ma formazione e opportunità di lavoro per giovani talenti.

Il progetto CPS nasce a dicembre 2018 a Bereguardo, alle porte di Pavia, per impulso di Campus Party, lanciando una sfida ambiziosa a Partner con la stessa sensibilità e con un approccio affine al proprio DNA. ASUS è stata tra i partner che hanno da subito creduto ed accettato questa sfida.

 

Campus Party Sparks, la realtà nata da ASUS e Campus Party per gli esport

La stessa ASUS che, in qualità di Partner Tecnologico di Campus Party Sparks (CPS), ha permesso in primis e in tempistiche record, di allestire quello che è indubbiamente uno dei punti di forza del progetto, ovvero la Practice Room allestita nella Gaming House, ospitata nella splendida cornice messa a disposizione da Campus Party.

Con la più ampia e completa gamma di soluzioni, ASUS Republic of Gamers si qualifica infatti come partner naturale di Campus Party Sparks, mettendo a disposizione dei giovani talenti dell’esport i PC ad altissime prestazioni e tutto l’equipaggiamento per assistere i giocatori della squadra e venire incontro alle esigenze e peculiarità di ciascuno.

Leggi anche:  ASUS Rog Phone II, per un'esperienza Gaming senza precedenti

I monitor a 240 MHz ROG Strix XG258Q, i mouse ROG Pugio e Gladius II, le tastiere meccaniche ROG Strix Flare e le cuffie ROG Fusion consentono dunque ai giocatori del team di allenarsi in maniera efficace e continua, permettendo loro di raggiungere un affiatamento difficilmente possibile altrimenti, allenandosi da remoto.

Grazie a tutto questo, la Practice Room è diventata operativa regalando da i primi risultati straordinari su League of Legends. L’impegno e gli sforzi del team e di tutto lo staff si sono trasformati così nella splendida vittoria del campionato italiano PG National Vigorsol Beats, ottenuta al Teatro Ciack di Milano il 7 aprile. Un successo davvero incredibile.

La vittoria è valsa al team di Campus Party Sparks l’accesso all’European Master di League of Legend e la possibilità di sfidare le migliori squadre d’Europa. Il CEO di CPS Davide Strozzi ha dichiarato: “ASUS è un partner importante per il progetto, non solo per il supporto hardware ma anche quale testimonianza di quanto due realtà tecnologiche possano collaborare per portare l’esport a un livello superiore, introducendolo nella formazione scolastica e come prospettiva di lavoro“.