smartphone al volante

Questo mese dovrebbe giungere in Aula a Montecitorio il nuovo Codice della Strada, ripensato per adattarlo a criticità vissute negli ultimi anni – soprattutto legate all’uso e abuso del cellulare alla guida. Per questo obiettivo anche l’ASAPS aveva presentato un appello, evidenziando le difficoltà nel gestire una situazione che sembra degenerare ogni giorno che passa.

Ed è proprio su questo punto che concentriamo l’analisi, in modo da dare maggior risalto alla preoccupante problematica (in terribile ascesa) dell’utilizzo del telefono mentre si è al volante.

Nuove sanzioni e inasprimento delle multe: arriva il nuovo Codice della Strada

Le multe risulteranno quadruplicate nelle cifre, andando dai 422 ai 1.687 euro per chi venisse sorpreso con smartphone, pc, telefoni o tablet mentre è alla guida. Per guida si intende in senso lato, poiché non sarà possibile in alcun modo togliere le mani da sterzo e cambio per utilizzarlo, neanche quando si è in coda o fermi ad un semaforo. Sarà soltanto possibile, eventualmente, gestirlo tramite comandi vocali e con il vivavoce dell’auto stessa. La situazione potrebbe essere aggravata dal ritiro della patente, che può andare da sette giorni fino a due mesi.

Leggi anche:  Huawei P30 Pro Special Edition: le immagini di questo dispositivo particolare

Per i recidivi, la multa aumenterebbe di parecchio, passando nell’intervallo fra 644 e 2.588 euro, con sospensione della patente da uno a tre mesi e decurtazione dei punti, che può ammontare a 5 o 10 punti totali.

Anche le multe per sosta vietata diverranno più aspre. La gravità della sanzione dipende dal tipo di infrazione: lasciare l’auto su un marciapiede o uno spazio riservato ai diversamente abili determinerà la decurtazione di 4 punti dalla patente (anziché 2 come ora), con multe che partono da 161 a 647 euro (80-328 euro se si parla di scooter). Anche chi parcheggia negli spazi riservati alla ricarica delle auto elettriche vedrà rimossi ben 2 punti dalla propria patente.

Una novità molto importante consiste nell’apertura dei parcheggi rosa sia a donne in gravidanza, sia ai genitori che portano con sé un bambino al di sotto dell’anno di età. Questi parcheggi saranno totalmente gratuiti, segnalati come già avviene da una striscia rosa a delimitare il posto auto.